Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.779,02
    -203,69 (-1,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Fondazione Gimbe, cresce la preoccupazione per l'aumento dei casi Covid

Covid
Covid

Dopo un mese di calo ininterrotto, in Italia i casi Covid tornano a crescere. Con la fine dell’estate, come sappiamo, le positività sono destinate a crescere ancora, a causa della maggiore affluenza di persone nei luoghi di aggegazione al chiuso.

Covid, salgono i casi di positività ai tamponi: i numeri

Secondo il bollettino di Fondazione Gimbe, nell’ultima settimana, i nuovi casi Covid sono stati 120.057, ben l’11,3% in più rispetto ai sette giorni precedenti. Gli altri indicatori, come le morti, il numero di ricoveri in terapia intensiva e il numero di ricoveri nei reparti ordinari, al momento restano in calo. Nulla esclude, però, che con la fine dell’esatte e l’inizio della scuola, questi indicatori torneranno a puntare verso l’alto.

Fondazione Gimbe, cresce la preoccupazione per l’aumento dei casi Covid

Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, ha commentato la situazione in cui ci troviamo in questo momento: “I dati indicano segnali di ripresa della circolazione virale da monitorare con attenzione nelle prossime settimane, vista la concomitanza di vari fattori che possono determinare un aumento dei nuovi casi di imprevedibile entità. Fondamentale per le categorie a rischio effettuare al più presto il secondo richiamo, visto il declino dell’efficacia vaccinale nei confronti della malattia grave dopo 120 giorni.”