Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.599,13
    -1.370,19 (-4,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Fondazione Inarcassa, incontro con sott. Giustizia Sisto su valorizzazione ctu

·1 minuto per la lettura

La valorizzazione del ruolo e delle competenze dei consulenti tecnici d’ufficio è stato l’argomento al centro di un incontro svolto questa mattina al ministero della Giustizia fra il sottosegretario alla Giustizia, Francesco Paolo Sisto e la Fondazione Inarcassa, rappresentata per l’occasione dal vicepresidente Andrea De Maio e dal segretario generale, Gianfranco Carcione.

Consapevole del ruolo fondamentale che i ctu svolgono nella dimensione pubblica, la Fondazione ha evidenziato la necessità di tutelare questa figura, sia dal punto di vista dell’aggiornamento dei compensi, sia da quello della formazione e organizzazione professionale e ha trovato nel sottosegretario Sisto un interlocutore attento e sensibile alle tematiche. Si tratta infatti di situazioni note al sottosegretario, che conosce i dettagli di quanto rappresentato e, da avvocato e professionista, ha a cuore le istanze della valorizzazione delle competenze messe al servizio della funzione pubblica. Pur consapevoli delle difficoltà poste dal quadro legislativo e giurisprudenziale di riferimento, la Fondazione è stata lieta di registrare ampia disponibilità al dialogo per il miglioramento dello status quo per i professionisti coinvolti.

Alla luce del dialogo avviato oggi, la Fondazione si è quindi impegnata a lavorare nelle prossime settimane ad una serie di proposte concrete sul tema, da sottoporre al vaglio del ministero della Giustizia al fine di proseguire la proficua interlocuzione, nel solco della leale collaborazione che contraddistingue l’attività istituzionale portata avanti sinora.