Italia Markets closed

Fondazioni: nel 2019 proventi balzano a 2,6 miliardi (+140%)

Rar
·2 minuti per la lettura

Milano, 22 set. (askanews) - Nel 2019 le Fondazioni di origine bancarie hanno registrato un patrimonio contabile pari a 40,3 miliardi, in aumento dell'1,6% rispetto all'esercizio precedente, e un significativo aumento dei proventi complessivi, che si attestano a 2,601 miliardi, pari a un balzo del 140,4%, conseguente al buon andamento dei mercati finanziari. Tutte le voci di provento finanziario aumentano, tra queste, in particolare, la gestione degli strumenti finanziari (+325%), le gestioni patrimoniali (+106%) e i dividendi (+32%). Questi ultimi, che ammontano a 1,544 miliardi, rappresentano la quota più significativa dei proventi e pesano per oltre il 59% sul totale. Sono questi i dati principali contenuti nell'ultimo rapporto Acri, riferiti al complesso dei bilanci 2019 delle 86 Fondazioni di origine bancaria italiane. In aumento, di conseguenza, l'avanzo di esercizio, che passa a 1,909 miliardi (+232%), considerata la quasi stabilità degli oneri complessivi, pari a 261 milioni (+4,6%). Nonostante il forte incremento dell'avanzo, si registra una diminuzione delle erogazioni, essendo queste oramai in prevalenza effettuate sulla base dell'avanzo dell'esercizio precedente. Le erogazioni passano, infatti, dai 1,025 miliardi del 2018 a 911 milioni del 2019 (-11,1%), attestandosi su un dato sostanzialmente in linea con la media degli ultimi anni. Significativo incremento degli oneri fiscali che, considerando anche le ritenute sui proventi finanziari non rilevati in bilancio, passano dai 323 milioni del 2018 ai 510 milioni del 2019. Le imposte e tasse costituiscono il primo settore di intervento delle Fondazioni, assorbendo un ammontare di risorse ben maggiore di quelle, pari a 240,6 milioni, destinate all'Arte, Attività e Beni culturali. Complessivamente, nel 2019 le Fondazioni hanno fatto registrare una redditività lorda del patrimonio del 6,5%, in sensibile aumento rispetto al 2,7% dell'anno precedente. (segue)