Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.370,69
    +199,36 (+1,41%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1967
    +0,0054 (+0,45%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8989
    +0,0073 (+0,81%)
     
  • EUR/CHF

    1,0823
    +0,0026 (+0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,5540
    +0,0039 (+0,25%)
     

Fondo Italiano: nuovo piano 2023, obiettivo 600 imprese eccellenti

Rar
·1 minuto per la lettura

Milano, 29 lug. (askanews) - Il cda di Fondo Italiano d'Investimento Sgr ha approvato il nuovo piano industriale 2020-2023 che individua alcuni ambiti sui quali il fondo può affiancarsi agli altri operatori di mercato e alla Cdp per canalizzare importanti risorse verso le imprese eccellenti italiane che hanno ambizioni di crescita. Il fondo intende mobilitare risorse per oltre 3 miliardi attraverso le due modalità con cui ha operato in questi anni, gli investimenti indiretti in fondi e gli investimenti diretti, con rinnovata attenzione verso gli interventi di minoranza. Con la prima, il piano prevede oltre 1 miliardo per investire in fondi, anche di nuova costituzione, che condividano strategie e obiettivi del Fondo Italiano e abbiano l'ambizione di coprire ambiti di mercato non ancora pienamente presidiati o di raggiungere dimensioni maggiori rispetto al passato. Con l'attività diretta, il fine è quello di realizzare operazioni di sviluppo, aggregazione e internazionalizzazione delle piccole e medie imprese italiane in ambiti strategici. Verrà realizzato un effetto moltiplicatore delle risorse messe a disposizione a sostegno dello sviluppo da Cdp, che fino ad oggi hanno rappresentato circa il 65% delle masse complessive. Le attese sono di raggiungere, a completamento del piano, tra investimenti diretti e indiretti, circa 600 imprese.