Italia markets close in 7 hours 11 minutes
  • FTSE MIB

    26.266,21
    -2,41 (-0,01%)
     
  • Dow Jones

    35.258,61
    -36,15 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.021,81
    +124,47 (+0,84%)
     
  • Nikkei 225

    29.215,52
    +190,06 (+0,65%)
     
  • Petrolio

    83,24
    +0,80 (+0,97%)
     
  • BTC-EUR

    53.277,72
    -193,88 (-0,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.449,72
    -1,92 (-0,13%)
     
  • Oro

    1.782,60
    +16,90 (+0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,1658
    +0,0039 (+0,34%)
     
  • S&P 500

    4.486,46
    +15,09 (+0,34%)
     
  • HANG SENG

    25.774,03
    +364,28 (+1,43%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.158,26
    +6,86 (+0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8454
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    1,0725
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4363
    -0,0001 (-0,01%)
     

Food packaging in carta e cartone per una filiera carbon neutral

·4 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 30 set. (askanews) - Con il food delivery in continua crescita, il food packaging diventa sempre più rilevante nell'impronta ambientale del food system: è pertanto fondamentale che i contenitori delle pietanze che raggiungono le nostre case siano progettati e concepiti per essere sostenibili.

Proprio questo concetto è stato alla base del convegno Food Packaging in carta e cartone per una filiera carbon neutral organizzato da Comieco e dall'Università delle Scienze Gastronomiche di Pollenzo, svoltosi ieri alla Cascina Cuccagna nell'ambito di All 4 Climate, l'iniziativa lanciata dal ministero della Transizione Ecologica e da "Connect4climate" per approfondire le sfide poste dai cambiamenti climatici a livello locale e internazionale in vista della Pre-Cop 26.

Quest'incontro è nato da un lungo dialogo tra Comieco e l'Università di Pollenzo finalizzato alla promozione della sostenibilità del packaging alimentare, ambito in cui la carta gioca un ruolo da protagonista: gli imballaggi in carta e cartone, infatti, grazie alle loro caratteristiche di praticità, sicurezza e funzionalità, sono tra i migliori "alleati" della lotta contro lo spreco di cibo e di risorse. Inoltre, essendo la carta un materiale naturale, biodegradabile e riciclabile, consente un notevole risparmio energetico e di risorse rispetto a imballaggi derivanti da materia prima di origine fossile.

"Con un food system system responsabile di un terzo delle emissioni di anidride carbonica, è ovvia la necessità di trovare uno stile di consumo sostenibile del cibo per impattare in modo positivo sui cambiamenti climatici i cui effetti cominciamo a sentire sulla nostra pelle", afferma Carlo Montalbetti, direttore generale di Comieco.

"Per fare questo, noi, consumatori e aziende, dobbiamo imparare a limitare gli sprechi di cibo e a scegliere imballaggi efficienti, che siano già progettati prevedendo la gestione del loro fine vita e che utilizzino materiali riciclabili e naturali come la carta o il cartone, che appartengono a una filiera virtuosa. Con un tasso di circolarità medio pari al 60%, infatti, la filiera cartaria rappresenta uno dei settori leader dell'economia circolare in Italia. Un risultato raggiunto anche grazie ad alti livelli di raccolta differenziata e riciclo della carta e cartone, 3,5 milioni di tonnellate nel 2020, con un tasso di riciclo dell'87% nel caso degli imballaggi, che confermano l'Italia tra i leader europei superando con 10 anni di anticipo l'obiettivo UE dell'85% previsto per il 2030. Numeri importanti, dato che ogni punto percentuale di crescita del riciclo di carta equivale ad una riduzione 84.000 tonnellate di rifiuti da smaltire e una conseguente minore emissione di CO2".

"È fondamentale comprendere che il tema di uno stile sostenibile di alimentazione è un punto fondamentale all'interno della transizione ecologica", afferma Silvio Barbero, VicePresidente dell'Università delle Scienze Gastronomiche di Pollenzo. "Bisogna cambiare la produzione, la distribuzione e il consumo del cibo. Poi c'è un secondo elemento da tenere in considerazione: l'innovazione del prodotto nel suo complesso, che deve necessariamente virare verso la naturalità di tutti i processi industriali, packaging compreso. Perché se l'innovazione del contenuto deve andare verso un maggiore contatto con il territorio e una maggiore qualità, anche il contenitore, da una parte, deve garantire tali caratteristiche e, al tempo stesso, dev'essere sostenibile e compatibile con il processo di transizione ecologica. L'unica strada possibile, la vera sfida del settore del food packaging, è quella della ricerca per favorire un dialogo costante tra conservazione del prodotto e sostenibilità dei materiali impiegati, solo in questo modo sarà possibile contribuire in modo effettivo alla diminuzione dell'impatto ambientale del settore alimentare".

La reale necessità di un cambio di paradigma del sistema del cibo, tra contenuto e contenitore, è emersa nel corso del convegno anche dalle testimonianze di alcune realtà industriali, tra cui quella di Armando Mariano, Direttore R&D di Seda International Packaging Group: "Tra i processi di trasformazione della materia prima rinnovabile ha sempre più importanza l'attività di ecodesign sviluppata in forte partnership con i clienti, per fornire al consumatore finale un prodotto che non solo soddisfi le sue esigenze quotidiane, ma sia pienamente sostenibile così da essere riciclato in modo semplice dopo il suo utilizzo", afferma. "Per rispondere a questi obiettivi in Seda lavoriamo a stretto contatto con i nostri clienti per un continuo miglioramento del profilo ambientale degli imballaggi, e ci concentriamo principalmente su tre aree: la scelta di carta esclusivamente proveniente da foreste sostenibili e certificate, l'ottimizzazione dei processi produttivi e la circolarità del fine vita dei nostri prodotti."

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli