Italia Markets closed

Foodora, Cassazione dà ragione ai rider

webinfo@adnkronos.com

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato da Foodora contro quanto era stato deciso il 10 gennaio del 2019 nel processo in appello del Tribunale di Torino che aveva stabilito per i lavoratori che avevano fatto causa alla società il risarcimento dei pagamenti e dei contribuiti previdenziali non goduti, facendo esplicito riferimento al quinto livello del contratto collettivo logistica-trasporto. Per Leu questo pronunciamento "è una vittoria".  

"Vittoria! Ora che la giustizia si è espressa in modo definitivo, siano gli ispettorati del lavoro a fermare il cottimo, e la politica dia pieni diritti, dignità e sicurezza a questi lavoratori", commentano Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana -Leu e il Capogruppo di Liberi Uguali Verdi al Consiglio regionale del Piemonte, Marco Grimaldi. 

"C’è una nostra legge che ormai da un anno vieta la retribuzione a cottimo in Piemonte. Come ha ribadito a inizio anno l’intero Consiglio Regionale, è davvero il momento di fare in modo che questa norma sia pienamente applicata e i controlli siano svolti regolarmente". La Suprema Corte, concludono, "ci dice che non possono esistere situazioni di questo genere, con lavoratori obbligati ad essere sfruttati e considerati cittadini e lavoratori di serie B".