Annuncio pubblicitario
Italia Markets close in 5 hrs 53 mins
  • FTSE MIB

    34.306,02
    -69,90 (-0,20%)
     
  • Dow Jones

    40.211,72
    +210,82 (+0,53%)
     
  • Nasdaq

    18.472,57
    +74,17 (+0,40%)
     
  • Nikkei 225

    41.275,08
    +84,40 (+0,20%)
     
  • Petrolio

    81,16
    -0,75 (-0,92%)
     
  • BTC-EUR

    57.875,95
    +282,61 (+0,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.313,52
    -27,45 (-2,05%)
     
  • Oro

    2.443,70
    +14,80 (+0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,0899
    -0,0001 (-0,0109%)
     
  • S&P 500

    5.631,22
    +15,87 (+0,28%)
     
  • HANG SENG

    17.727,98
    -287,96 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.961,70
    -21,41 (-0,43%)
     
  • EUR/GBP

    0,8405
    +0,0003 (+0,04%)
     
  • EUR/CHF

    0,9759
    +0,0007 (+0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4909
    +0,0006 (+0,04%)
     

Forex, dati deboli a livello globale sostengono dollaro, sbanda Aussie

Banconote del dollaro statunitense e dello yuan cinese

TOKYO/LONDRA (Reuters) - I timori per la crescita globale danno slancio al dollaro, mentre l'euro cala ai minimi di quasi tre mesi e l'Aussie perde oltre l'1% sui dati deludenti pubblicati dalla Cina e sulle scelte della Reserve Bank of Australia.

L'euro perde lo 0,43% a 1,0749 dollari, mentre la sterlina perde lo 0,72% a 1,2538 dollari, entrambe ai minimi da metà giugno, dopo i dati sull'attività economica in Cina ed Europa che hanno ridotto l'appetito per il rischio in tutte le classi di asset.

Il Pmi cinese per i servizi si è attestato su livelli visti l'ultima volta quando gran parte del paese era in lockdown, ed è solo l'ultimo di una serie di dati deludenti, mentre l'attività industriale della zona euro è diminuita più rapidamente di quanto ci si aspettasse inizialmente.

I titoli di stato americani calano alla ripresa delle contrattazioni dopo il Labor Day, con il rendimento del Treasury a dieci anni in aumento di 0,043% a 4,2143%.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Il dollaro australiano, esposto alla Cina, è stato il più colpito, con un calo dell'1,35% a 0,6378 dollari, anche a causa dell'ultimo aggiornamento della politica della Reserve Bank of Australia.

La Rba ha mantenuto il tasso di riferimento al 4,1% per il terzo mese consecutivo e, sebbene abbia lasciato aperta la porta a futuri aumenti, i mercati valutano solo il 30% di possibilità che i tassi salgano da qui in poi.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)