Italia Markets close in 6 hrs 35 mins
  • FTSE MIB

    18.779,06
    -166,08 (-0,88%)
     
  • Dow Jones

    27.685,38
    -650,19 (-2,29%)
     
  • Nasdaq

    11.358,94
    -189,34 (-1,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.485,80
    -8,54 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    38,85
    +0,29 (+0,75%)
     
  • BTC-EUR

    11.116,62
    +15,32 (+0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    261,28
    -2,13 (-0,81%)
     
  • Oro

    1.901,80
    -3,90 (-0,20%)
     
  • EUR/USD

    1,1816
    +0,0003 (+0,0236%)
     
  • S&P 500

    3.400,97
    -64,42 (-1,86%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.081,39
    -23,86 (-0,77%)
     
  • EUR/GBP

    0,9072
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0734
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5585
    -0,0008 (-0,05%)
     

Forex, dollaro australiano giù su stop Cina a import carbone

·1 minuto per la lettura
Banconote di dollaro australiano
Banconote di dollaro australiano

LONDRA (Reuters) - Il dollaro australiano perde terreno dopo le notizie sullo stop cinese alle importazioni di carbone dall'Australia mentre peggiorano le relazioni tra i due Paesi e il biglietto verde recupera rispetto ai minimi da tre settimane toccati ieri.

L'indice del dollaro Usa contro un paniere di valute sale dello 0,11% sull'impressione che le autorità cinesi vogliano mettere un freno al recente apprezzamento dello yuan, una delle valute che compongono il paniere.

L'euro scende dello 0,23% contro il dollaro. La notizia che lo studio di Johnson & Johnson sul vaccino per il Covid-19 sia stato messo in pausa per una malattia riscontrata in uno dei partecipanti ha contribuito a un modesto rialzo del biglietto verde.

A limitare l'appeal del dollaro come valuta rifugio, però, ci sono le crescenti aspettative che la vittoria del democratico Joe Biden alle presidenziali del prossimo 3 novembre possa portare a un ingente pacchetto di stimolo economico, elemento che spinge l'appetito per il rischio.

La valuta australiana lascia sul terreno circa lo 0,3% contro il biglietto verde e registra cali anche nei confronti del dollaro neozelandese e dello yen.

Alle aziende di servizi pubblici e alle acciaierie di proprietà statale in Cina è stato comunicato verbalmente dalla dogana di fermare le importazioni di carbone termico e siderurgico con effetto immediato.