Italia markets close in 3 hours 47 minutes
  • FTSE MIB

    19.116,70
    +30,75 (+0,16%)
     
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.474,27
    -165,19 (-0,70%)
     
  • Petrolio

    40,43
    +0,40 (+1,00%)
     
  • BTC-EUR

    10.949,30
    +1.619,89 (+17,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    260,77
    +15,88 (+6,48%)
     
  • Oro

    1.916,60
    -12,90 (-0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,1829
    -0,0038 (-0,32%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    24.786,13
    +31,71 (+0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.179,06
    -1,64 (-0,05%)
     
  • EUR/GBP

    0,9028
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0731
    0,0000 (0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5558
    -0,0022 (-0,14%)
     

Forex, Dollaro forte, tocca massimo due mesi su timori Covid, dati zona euro

·1 minuto per la lettura
Una banconota da un dollaro statunitense
Una banconota da un dollaro statunitense

NEW YORK (Reuters) - Dollaro ancora tonico dopo aver toccato il massimo di due mesi sulla scia delle statistiche macro Usa positive e del mix tra timori per una nuova ondata di coronavirus e dati macro europei deboli.

La crescita dell'attività economica nella zona euro ha visto a settembre una battuta d'arresto sulla scia del rallentamento del comparto dei servizi, accrescendo le preoccupazioni che le restrizioni introdotte di recente contro il virus possano aveve un impatto sulla ripresa economica.

Riferendosi anche agli indici Pmi della zona euro, Rupert Thompson, chief investment officer di Kingswood ha detto di considerare improbabile una ripresa a forma di 'V' da adesso in avanti.

"Dal momento che il calo si è concretizzato anche prima dell'introduzione delle ultime misure di distanziamento sociale, questi numeri mettono in evidenza che la parte più solida della ripresa economica è ormai alle spalle", spiega.

Gli operatori temono inoltre che Gran Bretagna e Unione europea possano non trovare un accordo sul libero commercio, che potrebbe creare ulteriori tensioni.

E' probabile che il dollaro continui ad apprezzarsi fino a quando i timori per una nuova ondata di coronavirus persisteranno in Europa; tuttavia l'incertezza sul risultato elettorale negli Usa potrebbe portare a oscillazioni della divisa.

(In redazione a Milano Sara Rossi, Maria Pia Quaglia)