Italia markets closed

Forex, dollaro rallenta corsa, ma swap segnalano mercato ancora sotto pressione

LONDRA (Reuters) - Il dollaro rallenta il passo a metà mattina dopo un rally che lo spinge verso il bilancio settimanale migliore dalla crisi finanziaria del 2008.

Numerose valute, dal dollaro australiano alla sterlina, hanno registrato pesanti minimi questa settimana sul biglietto verde, dopo gli interventi delle banche centrali che hanno iniettato liquidità sui mercati nel panico per l'emergenza coronavirus.

Oggi si osserva una situazione più calma dopo giorni di sell-off, anche se gli analisti invitano a non cantare vittoria troppo presto. Il dollaro australiano rimbalza del 3,4%.

La moneta Usa guadagna circa il 3,5% contro un basket di valute dopo giorni nei quali gli investitori hanno liquidato qualunque cosa, dalle azioni ai bond, dall'oro alle commodities.

"Anche se la volatilità si è abbassata, la situazione resta di forte stress", commenta Kit Juckes, strategist di Societe Generale a Londra. "La gente sta vendendo di tutto, vuole solo cash", osserva Stuart Oakley di Nomura.

I cross-currency basis swap, che mostrano quanto costa prendere in prestito dollari all'estero, segnalano ancora pressioni, con lo spread che resta alto. Si allarga anche il differenziale FRA-OIS, barometro del rischio sul mercato interbancario.

L'euro segna un rialzo superiore all'1%, la sterlina rimbalza del 3,3% dopo essere scesa ai minimi da 35 anni ieri.