Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.183,32
    -22,07 (-0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Forex, dollaro sale con timori Covid in Cina che alimentano acquisti 'safe-haven'

L'illustrazione mostra le banconote del dollaro statunitense

SINGAPORE/LONDRA (Reuters) - Il dollaro sale nei confronti delle principali divise, mentre il numero crescente di casi di Covid-19 ha portato a nuove restrizioni in Cina con ripercussioni sul 'sentiment' degli investitori a livello globale.

La Cina è alle prese con diversi focolai di Covid. Ieri a Pechino si sono registrati due morti, e oggi è stato chiesto agli abitanti del distretto più popoloso della città di restare a casa.

La situazione fa temere che il governo non possa allentare presto le rigide restrizioni anti-coronavirus.

I timori spingono il biglietto verde in quanto valuta rifugio: poco prima delle 10,30 l'indice del dollaro guadagna lo 0,81% rispetto a un paniere di sei valute.

Il biglietto verde sale anche nel cross con lo yen (+0,80% circa).

L'euro cede a sua volta lo 0,85% nel cross con la divisa Usa.

"Le prospettive del mercato cinese zero-Covid rimarranno una fonte fondamentale di volatilità", commenta Carol Kong, currency strategist presso la Commonwealth Bank of Australia.

"Un'eventuale altra serie di restrizioni indicherebbe che i funzionari cinesi sono ancora diffidenti nei confronti di una possibile riapertura", aggiunge.

Lo yuan onshore ha aperto a 7,1451 per dollaro per poi scendere a 7,1708, il livello più basso dall'11 novembre.

(versione italiana Antonella Cinelli, editing Sabina Suzzi)