Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.209,23
    -106,06 (-0,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Forex, dollaro tocca massimi di un mese mentre calano attese su taglio tassi

Il governatore della banca centrale francese, Francois Villeroy de Galhau a Davos, Svizzera

SINGAPORE/LONDRA (Reuters) - Il dollaro è in rialzo grazie al ridimensionamento delle attese degli investitori su un taglio dei tassi a marzo da parte della Federal Reserve, mentre la sterlina e lo yen perdono terreno a causa del calo delle pressioni inflazionistiche.

Alle 11,15, rispetto a un paniere di valute, il dollaro sale dello 0,78% a 103,203.

L'euro perde lo 0,58% a 1,0886 dollari.

I commenti dei policymaker della Banca centrale europea, che hanno mostrato cautela sull'ipotesi di un taglio anticipato dei tassi, hanno messo in ombra le prospettive dei costi di finanziamento a livello globale.

Joachim Nagel della Bce ha detto che è troppo presto per parlare di tagli e il suo collega austriaco Robert Holzmann ha detto che i mercati non dovrebbero contare su una sforbiciata quest'anno.

La sterlina perde lo 0,67% a 1,24 dollari dopo che i dati hanno mostrato un forte rallentamento della crescita dei salari britannici nei tre mesi fino a novembre, sostenendo l'idea che la Banca d'Inghilterra taglierà i tassi drasticamente quest'anno.

Il dollaro guadagna rispetto allo yen giapponese, attestandosi a 146,57 yen per dollaro. Lo yen è sceso dopo che i dati hanno mostrato che l'indice dei prezzi all'ingrosso del Giappone è rimasto poco mosso a dicembre rispetto a un anno fa, con un rallentamento del tasso di variazione per il dodicesimo mese consecutivo.

Gli investitori attendono in giornata i commenti di Christopher Waller della Fed, la cui svolta accomodante a fine novembre ha contribuito a innescare il forte rally di fine anno.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Francesca Piscioneri)