Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.370,40
    +199,08 (+1,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1967
    +0,0054 (+0,45%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8989
    +0,0073 (+0,81%)
     
  • EUR/CHF

    1,0823
    +0,0026 (+0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,5540
    +0,0039 (+0,25%)
     

Forex, dollaro verso peggior calo mensile da 10 anni su timori economia Usa

·1 minuto per la lettura
Alcune banconote e monete in euro e in dollari
Alcune banconote e monete in euro e in dollari

LONDRA (Reuters) - Il dollaro estende il pesante ribasso stamani, avviandosi verso il bilancio mensile peggiore da dieci anni dopo i drammatici dati sul Pil Usa di ieri.

L'estrema debolezza del biglietto verde spinge in alto l'euro con la moneta unica che ha toccato quota 1,19 dollari, ai massimi da maggio 2018 per poi stabilizzarsi appena sotto, nel suo miglior mese da settembre 2010.

A deprimere ulteriormente la divisa statunitense il tweet in cui ieri Donald Trump ha avanzato la possibilita' di un rinvio delle presidenziali di novembre.

L'indice del dollaro contro un paniere delle principali valute, e' ai minimi da maggio 2018. Ha perso il 4,9% in luglio, con il ribasso che si e' accentuato negli ultimi dieci giorni a causa della recrudescenza di casi di Covid negli Stati uniti e alla promessa da parte di Fed di una politica ultra-accomodante finche' sara' necessario.

Contro yen, la moneta Usa e' scesa ai minimi da quattro mesi e mezzo, con un calo mensile che e' nell'ordine del 3,3%.

La sterlina e' sui massimi da oltre quattro mesi intorno a 1,3143 dollari, mentre si mostra in marginale calo su euro.

Anche il franco svizzero, considerato da sempre un asset rifugio, estende il suo rally sul biglietto verde, che scende ai minimi da inizio 2015.