Forex: JPM, eurodollaro a 1,38 nel breve termine

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
1586.TWO22,60+0,10
BCE.TO60,59-0,36

“Il forte calo dei rendimenti dei Paesi periferici indica che il rischio rappresentato dall’Eurozona per l'economia globale è diminuito”. È quanto si legge in un commento preparato da Sara Yates, Global Currency Strategist di J.P. Morgan Private Bank. “Una conseguenza è che ora gli investitori probabilmente richiederanno un premio di rischio inferiore (uno sconto inferiore) per mantenere titoli denominati in Euro” e anche se questo movimento è destinato a spingere al rialzo la moneta unica “riteniamo che l'Euro sia andato al di là dei suoi migliori fondamentali”. Nonostante questo, l’analista rileva che i “dati Cftc (Taiwan OTC: 1586.TWO - notizie) e le prove empiriche” stiano segnalando che l’eurodollaro potrebbe salire “a 1,38 nel breve termine”. “Il fatto che questa soglia possa essere raggiunta questa settimana, dipenderà probabilmente da se/come Draghi commenterà il recente rally dell'Euro nel corso della conferenza stampa della BCE (Toronto: BCE.TO - notizie) ”. “Sul più lungo termine, rimaniamo scettici sul fatto che l'euro possa mantenere questa forza”. Nel breve termine “consigliamo che i clienti mantengano tatticamente la loro esposizione long sull’Euro, ma utilizzino stop ravvicinati. A livello strutturale, tuttavia, crediamo che l'Euro possa indebolirsi”.

Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 16.401,00 +0,38% 30 set 17:35 CEST
Eurostoxx 50 3.002,24 +0,36% 30 set 17:50 CEST
Ftse 100 6.899,33 -0,29% 30 set 17:35 CEST
Dax 10.511,02 +1,01% 30 set 17:44 CEST
Dow Jones 18.308,15 +0,91% 30 set 23:01 CEST
Nikkei 225 16.449,84 -1,46% 30 set 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati