Italia markets close in 1 hour 28 minutes
  • FTSE MIB

    22.167,54
    +160,14 (+0,73%)
     
  • Dow Jones

    30.076,05
    +106,53 (+0,36%)
     
  • Nasdaq

    12.416,30
    +39,12 (+0,32%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,13
    +0,49 (+1,07%)
     
  • BTC-EUR

    15.675,64
    -180,49 (-1,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    374,04
    -5,20 (-1,37%)
     
  • Oro

    1.847,00
    +5,90 (+0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,2160
    +0,0010 (+0,09%)
     
  • S&P 500

    3.683,00
    +16,28 (+0,44%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.530,44
    +13,34 (+0,38%)
     
  • EUR/GBP

    0,8998
    -0,0027 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0814
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5577
    -0,0040 (-0,26%)
     

Forex, mercato cauto nel giorno del voto Usa, occhi su volatilità dollaro

·1 minuto per la lettura
Banconota di dollaro Usa fotografata a Tokyo
Banconota di dollaro Usa fotografata a Tokyo

LONDRA (Reuters) - Prevale un atteggiamento di cautela sul mercato nelle ore che precedono l'apertura dei seggi americani, con gli investitori che si preparano a possibili dispute sul risultato elettorale e alla volatilità che potrebbe seguire.

Molti trader si sono concentrati sulla sicurezza del dollaro in modo da essere ben posizionati e trarre vantaggio dalla volatilità all'arrivo dei risultati.

"C'è solo una cosa da fare: allacciare le cinture, mettere l'elmetto e aspettare quello che accadrà nel cross euro-dollaro nei prossimi giorni", scrive in una nota ai clienti Antje Praefcke, strategist di Commerzbank, sottolineando che non si possono escludere scontri "che potrebbero spingere il mercato a vendere il dollaro".

Nei primi scambi sulla piazza europea, l'indice del dollaro lascia sul terreno lo 0,41% a 93,7430 contro un paniere di valute dopo aver toccato ieri i massimi da un mese.

L'euro sale dello 0,35% nel confronto con il biglietto verde. In lieve rialzo sul dollaro anche lo yen.

Gli analisti mettono in luce che una vittoria di Joe Biden potrebbe indebolire il dollaro perché l'attesa è che il democratico spenda massicciamente per le misure di stimolo ed abbia un approccio più liberale sul commercio, spingendo altre valute a spese del biglietto verde.

Ma con il vantaggio ridotto in alcuni Stati chiave e la eventualità di una vittoria di Donald Trump o di un risultato incerto che sosterrebbero il dollaro, le vendite sono limitate.

Il dollaro australiano sale dello 0,52% sul biglietto verde dopo il calo iniziale seguito al taglio dei tassi vicino a zero da parte della Reserve Bank of Australia e all'estensione del programma di acquisto titoli.