Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    27.345,60
    +2.288,17 (+9,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    657,87
    +47,88 (+7,85%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8892
    +0,0033 (+0,37%)
     
  • EUR/CHF

    1,0770
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5499
    +0,0123 (+0,80%)
     

Forex, propensione a rischio nonostante Covid mantiene dollaro su minimi metà 2018

·1 minuto per la lettura
Banconote di dollaro Usa

LONDRA (Reuters) - Il dollaro si mantiene sui minimi da metà 2018 mentre gli investitori sono più propensi alle divise ad alto rendimento come lo yuan, nonostante un nuovo aumento di casi di Covid.

"La divisa Usa perde ancora terreno sulla scia di un certo appetito per il rischio", spiega Alvin Tan, strategist valutario di Rbc Capital Markets.

L'indice sul dollaro cede attorno alle 10 lo 0,46% a 89,527 poco lontano dal minimo di circa due anni e mezzo a 89,515 della scorsa settimana.

Lo yuan cinese si apprezza sul dollaro di circa l'1% sui massimi di 30 mesi. L'attività delle aziende cinesi ha continuato a crescere a dicembre sebbene al di sotto delle attese.

L'euro si apprezza di quasi l'1,2% a 1,2284 sul dollaro dopo la lettura finale del Pmi manifattura di dicembre mentre la sterlina, che beneficia ancora dell'accordo commerciale sulla Brexit, sale a 1,3690 sul dollaro, sui massimi da inizio 2018.

L'attenzione degli investitori si concentra sul ballotaggio in Georgia di domani da cui dipende il controllo del Senato Usa.