Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 3 hours 12 minutes
  • FTSE MIB

    34.499,50
    -138,25 (-0,40%)
     
  • Dow Jones

    40.358,09
    -57,35 (-0,14%)
     
  • Nasdaq

    17.997,35
    -10,22 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    39.154,85
    -439,54 (-1,11%)
     
  • Petrolio

    77,96
    +1,00 (+1,30%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.223,31
    -178,80 (-0,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.369,18
    +3,29 (+0,24%)
     
  • Oro

    2.418,20
    +10,90 (+0,45%)
     
  • EUR/USD

    1,0852
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    5.555,74
    -8,67 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    17.311,05
    -158,31 (-0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.874,69
    -42,11 (-0,86%)
     
  • EUR/GBP

    0,8397
    -0,0010 (-0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9605
    -0,0064 (-0,66%)
     
  • EUR/CAD

    1,4958
    +0,0002 (+0,01%)
     

Forex, sterlina tocca massimi quattro mesi, mercati attendono dati inflazione Usa

Una banconota di sterlina britannica sopra delle banconote di dollaro statunitense

SINGAPORE/LONDRA (Reuters) - La sterlina ha toccato un massimo di quattro mesi, dopo che i commenti dei banchieri della Banca d'Inghilterra e dati sul Pil migliori del previsto hanno indotto gli operatori a ridurre le scommesse su un taglio dei tassi ad agosto, in attesa dei dati sull'inflazione statunitense.

Intorno alle 11,15, la moneta britannica avanza dello 0,23% a 1,2877 dollari, il livello più alto dall'inizio di marzo, dopo che ieri il capo economista della BoE Huw Pill ha detto che la pressione sui prezzi persiste e dopo che oggi i dati hanno mostrato che la produzione economica britannica è aumentata dello 0,4% a maggio, al di sopra delle aspettative.

La sterlina si rafforza anche rispetto all'euro, raggiungendo il valore più alto da un mese a questa parte, con la moneta comune a 84,24 pence.

Rispetto al dollaro, l'euro è in rialzo dello 0,17% circa a 1,085 dollari

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Ma l'evento principale della giornata - e probabilmente anche della settimana - per i mercati valutari è rappresentato dai dati sull'inflazione statunitense previsti per le 14,30 italiane, che consolideranno o metteranno in discussione le attese del mercato che ritiene probabile un taglio dei tassi della Federal Reserve a settembre.

Lo yen continua a subire la pressione del forte differenziale dei tassi d'interesse tra Stati Uniti e Giappone, attestandosi a 161,49 per dollaro, vicino ai minimi da 38 anni, pur essendo stato abbastanza calmo nelle ultime settimane.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)