Italia Markets open in 3 hrs 52 mins

Forma.Temp: come funziona il Fondo per la formazione gratuita

info@wecanjob.it (WeCanJob.it)

Forma.Temp: come funziona il Fondo per la formazione gratuita

Il mondo del lavoro è in continua evoluzione ed è spesso difficile rendersi conto di cosa sta cambiando e in quale direzione. Alcune realtà, che ne toccano con mano ogni giorno le variazioni, possono tentare di aprire la strada all'adeguamento dei lavoratori al lavoro che cambia e farlo con strumenti di formazione come, ad esempio, Forma.Temp, ovvero il Fondo per la formazione e il sostegno al reddito dei lavoratori in somministrazione.

Che cos'è il Fondo Forma.Temp e come funziona

Si tratta di un Fondo è gestito da un'Associazione senza fini di lucro che riunisce rappresentanti dei diversi attori impegnati a vario titolo nel mondo del lavoro:

  • Associazioni di settore come ASSOLAVORO e ASSOSOMM;
  • Confederazioni sindacali come CISL, CGIL e UIL;
  • Organizzazioni sindacali dei lavoratori in somministrazione, come FeLSA CISL, CGIL Nuove Identità di Lavoro e UILTemp.

In questo articolo daremo qualche delucidazione sul modo di operare di Forma.Temp, una risorsa preziosa nel panorama della formazione continua, una risorsa che permette ai lavoratori in somministrazione e a chi è alla ricerca attiva di lavoro di riqualificarsi professionalmente tramite corsi di formazione gratuiti nei più svariati settori. Prima di tutto, però, cerchiamo di capire cosa si intende quando si parla di lavoratori in somministrazione.

"Nuovi" lavori: il lavoro in somministrazione

L'attività di somministrazione è una particolare tipologia di rapporto di lavoro che coinvolge 3 attori:

  • il somministratore, cioè un'Agenzia per il lavoro, ovvero l'attore che fa da "ponte" tra i 2 soggetti che seguono;
  • il lavoratore, ovvero chi presta la propria opera professionale;
  • l'impresa, ovvero chi beneficia in ultima analisi della prestazione lavorativa.

In questo rapporto, il lavoratore in questione viene denominato lavoratore somministrato: la sua attività, denominata "missione", viene svolta presso l'impresa (detta utilizzatore); tuttavia, è il somministratore (cioè l'Agenzia per il lavoro) ad assumerlo e a retribuirlo.

Possono assumere il ruolo di somministratori solamente quelle Agenzie per il lavoro che figurano nell'Albo informatico affidato alla Direzione generale per il mercato del lavoro.

I lavoratori somministrati possono appartenere a qualsiasi categoria di lavoratori subordinati, ovvero:

  • operai;
  • impiegati;
  • quadri;
  • dirigenti.

I lavoratori somministrati hanno gli stessi diritti dei lavoratori dipendenti quando svolgono la medesima mansione, ovvero hanno diritto al loro stesso trattamento economico e normativo. Nei confronti dell'impresa utilizzatrice, inoltre, sono chiamati a rispettare gli stessi doveri dei dipendenti.

Dall'altra parte, è il somministratore a incaricarsi del versamento dei trattamenti retributivi, nonché dei contributi previdenziali (INAIL e INPS).

Lavoro somministrato e lavoro interinale: quali differenze

Il lavoratore somministrato può essere assunto dall'Agenzia per il lavoro a tempo determinato o a tempo indeterminato. L'assunzione a tempo indeterminato prevede lo stanziamento di contributi anche durante i periodi in cui il lavoratore non è impiegato in attività lavorative presso alcuna azienda utilizzatrice.

L'assunzione a tempo determinato è invece assimilabile al lavoro interinale, cioè al tipo di contratto in vigore fino al 10 settembre 2003, data che ha istituito il lavoro in somministrazione con il decreto legislativo n. 276, sulla base della legge 14 febbraio 2003 n. 30, anche nota come Legge Biagi. L'attuale tipologia contrattuale ha dunque sostituito una tipologia di lavoro che si basava sulla provvisorietà (interinale deriva da "ad interim", ovvero "nell'intervallo di tempo") ed escludeva le Pubbliche Amministrazioni dalla possibilità di candidarsi come imprese utilizzatrici.

LEGGI ANCHE: L'importanza delle soft skills per trovare lavoro

Forma.Temp: formazione gratuita per somministrati e disoccupati alla ricerca attiva di lavoro

Torniamo ora al Fondo Forma.Temp: di che si tratta e come si mette in relazione con il lavoro in somministrazione?

Le realtà che abbiamo indicato in apertura (sindacati e associazioni di settore) mettono a disposizione del capitale che va a costituire Forma.Temp, ossia un Fondo di finanziamento per espletare Politiche attive e passive del lavoro, avendo per strumento dei corsi di formazione che hanno lo scopo di rispondere ai fabbisogni formativi di ogni settore professionale. Detto in altri termini: Forma.Temp finanzia dei corsi di formazione professionalizzanti e non solo a lavoratori in somministrazione o a persone senza occupazione alla ricerca attiva di lavoro.

L'iniziativa della formazione è promossa nella maggioranza dei casi dalle Agenzie per il lavoro (somministratori), le quali contribuiscono al Fondo versando il 4% delle retribuzioni lorde corrisposte ai lavoratori somministrati. Ecco perché tutti i corsi promossi dal Fondo sono interamente gratuiti e non prevedono quindi alcun costo a carico dei partecipanti.

Come sottolineato poco sopra, è bene ricordare che tali corsi non sono indirizzati soltanto ai lavoratori somministrati, ovvero già iscritti alle Agenzie per il lavoro. Sono infatti dedicati anche a tutte le persone disoccupate e alla ricerca attiva di lavoro disposte a sottoscrivere un contratto di lavoro in somministrazione a tempo determinato o indeterminato.

Per i lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato in somministrazione sono previsti i seguenti corsi:

  • formazione di Base;
  • formazione professionale;
  • formazione on the job.

Per i lavoratori con contratto di lavoro a tempo indeterminato in somministrazione sono invece previsti i corsi che seguono:

  • riqualificazione professionale;
  • qualificazione professionale;
  • qualificazione professionale in affiancamento.

I suddetti corsi hanno in definitiva per obiettivo da una parte l'acquisizione di nuove competenze e conoscenze nei beneficiari, nonché la possibilità di un orientamento per un'eventuale riqualificazione professionale e, dall'altra, il sostegno economico tramite sussidi per i lavoratori in somministrazione la cui attività lavorativa è stata ridotta, sospesa o è assente per mancanza di occasioni professionali.

Maggiori informazioni sul Fondo Forma.Temp e sui corsi finanziati sono disponibili sul sito dedicato, a questo link.

LEGGI ANCHE: Le competenze per trovare lavoro sono tante e varie: ecco le più importanti

 

La redazione di WeCanBlog

Autore: We Can Job. Per approfondimenti su formazione e lavoro visita il sito Wecanjob.it.