Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.719,16
    +584,17 (+2,01%)
     
  • Nasdaq

    11.067,84
    +238,34 (+2,20%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • EUR/USD

    0,9738
    +0,0140 (+1,46%)
     
  • BTC-EUR

    20.106,00
    +334,39 (+1,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    446,68
    +17,90 (+4,17%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • S&P 500

    3.723,98
    +76,69 (+2,10%)
     

Francia, azioni Tf1 e M6 calano dopo rinuncia a progetto fusione

Logo dell'emittente francese Tf1

PARIGI (Reuters) - Le azioni del gruppo M6 e di TF1 hanno registrato un calo dopo il fallimento delle trattative per la creazione di un gigante televisivo francese che possa competere con i servizi di streaming statunitensi come Netflix.

Le due maggiori emittenti private francesi hanno abbandonato il progetto di fusione venerdì, citando i requisiti dell'antitrust francese che rendevano l'accordo impraticabile.

Poco dopo le 12,00 le azioni di TF1 perdono quasi il 4%, mentre M6 scambia in ribasso del 3,8%.

Secondo il piano originale di fusione, il conglomerato francese Bouygues avrebbe controllato il gruppo risultante dalla fusione con una quota del 30%, mentre la società madre di M6, il gruppo mediatico tedesco Bertelsmann, sarebbe stato il secondo maggiore azionista con il 16%.

Le azioni di Bertelsmann perdono circa l'1,25% questa mattina.

"È estremamente deludente (l'esito della fusione) e dimostra l'incapacità della Francia di portare avanti un progetto unitario per creare un gigante francese dei media", ha detto Mikael Jacoby, responsabile del trading continentale di Oddo Securities.

Le due società hanno incontrato una forte opposizione da parte del gruppo dei media Vivendi, che ora viene citato dagli osservatori del mercato, tra cui Jacoby di Oddo, come potenziale acquirente, nel caso in cui Bertelsmann porti avanti il progetto di vendere la propria quota di controllo in M6.

L'operatore ha anche citato Altice, di proprietà del miliardario Patrick Drahi, come potenziale acquirente. Altice ha rifiutato di commentare.

Venerdì Bertelsmann, che controlla M6 attraverso l'unità Rtl, ha affermato che la "creazione di giganti mediatici nazionali per competere con le piattaforme globali" fa ancora parte della sua strategia e rimane "fermamente impegnata" a perseguirla.

Un portavoce di Rtl ha commentato: "Incontreremo il gruppo dirigente di M6 per valutare le opzioni future".

"Sembra che i due abbiano anticipato la decisione che doveva essere presa il 17 ottobre, per dare più tempo a Rtl (controllata da Bertelsmann) di trovare un acquirente per la sua quota del 48,3% in M6, come previsto inizialmente, prima che Tf1 faccia un'offerta più alta di altre parti", ha detto Conor O'Shea, analista di Kepler Cheuvreux.

"I tempi per trovare un acquirente rimangono comunque molto stretti", ha aggiunto, affermando che qualsiasi accordo dovrebbe essere completato entro l'inizio del prossimo anno, prima che il rinnovo della licenza per i canali di trasmissione di M6 comporti un divieto di cinque anni su qualsiasi vendita.

Anche MediaForEurope (Mediaset), che era in gara quando M6 è stato messo in vendita, è considerato un potenziale candidato per la conclusione di un accordo secondo gli osservatori del mercato.

"Una cosa è certa: l'abbandono di questa operazione di fusione e acquisizione è una cosa negativa per Tf1, che, nel caso in cui M6 venisse venduta a un competitor, si troverebbe ad affrontare un'inasprimento della concorrenza", ha detto Stephane Ekolo, global equity strategist di Tradition a Londra.

Vivendi e Mediaset hanno rifiutato di commentare.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)