Italia markets close in 5 hours 25 minutes
  • FTSE MIB

    21.479,83
    +125,18 (+0,59%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,86 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,14 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    26.153,81
    +218,19 (+0,84%)
     
  • Petrolio

    108,04
    -0,39 (-0,36%)
     
  • BTC-EUR

    18.569,13
    +202,04 (+1,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    418,45
    -1,69 (-0,40%)
     
  • Oro

    1.807,30
    +5,80 (+0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,0447
    +0,0021 (+0,20%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.830,35
    -29,44 (-0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.473,01
    +24,70 (+0,72%)
     
  • EUR/GBP

    0,8613
    -0,0009 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0019
    +0,0016 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,3418
    -0,0015 (-0,12%)
     

Francia,proiezioni legislative:Macron guida ma perde maggioranza

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 19 giu. (askanews) - La coalizione centrista che sostiene il presidente francese Emmanuel Macron uscirebbe in vantaggio nelle cruciali elezioni legislative di oggi nelle quali comunque si registra un buon risultato di un'alleanza di partiti di sinistra e un'impennata dell' estrema destra che impediscono alle forze che appoggiano il presidente di assicurarsi un maggioranza assoluta dei seggi.

E' questo il quadro che emerge dalle prime proiezioni basate sul conteggio dei voti preliminari che assegnano alla coalizione centrista di Macron da 205 a 250 seggi nell'Assemblea nazionale che conta 577 seggi.

Per la prima volta in 20 anni, un presidente neoeletto sembra non essere riuscito a raccogliere la maggioranza assoluta nell'Assemblea nazionale, il che non fermerà l'agenda interna di Macron, ma farà crescere l'influenza del Parlamento dopo un primo mandato durante il quale lo stile di governo di Macron aveva per lo più emarginato i legislatori.

Il voto è stato anche segnato da un record di bassa affluenza: un segnale di avvertimento per Macron, che ha promesso di governare più vicino al popolo per il suo secondo mandato. Solo il 46 per cento circa dell'elettorato francese è andato alle urne, sempre secondo le proiezioni, il secondo livello più basso dal 1958.

L'alleanza dei partiti di sinistra, nota come Nouvelle Union Populaire Écologique et Sociale, o NUPES, e guidata dal veterano di sinistra Jean-Luc Mélenchon, avrebbe ottenuto da 150 a 190 seggi.

Ciò non è stato sufficiente per prendere il controllo dell'Assemblea nazionale e costringere Macron a nominare primo ministro Mélenchon, come sperava il NUPES. Ma è stata una forte dimostrazione per i partiti di sinistra che erano stati in gran parte cancellati come irrimediabilmente divisi.

Si prevedeva inoltre che il partito di estrema destra di Marine Le Pen raccoglierebbe da 75 a 100 seggi nell'Assemblea nazionale, un record che potrebbe renderlo la terza forza politica più grande della camera bassa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli