Italia markets open in 3 hours 28 minutes
  • Dow Jones

    35.457,31
    +198,70 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.129,09
    +107,28 (+0,71%)
     
  • Nikkei 225

    29.261,51
    +45,99 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1650
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • BTC-EUR

    54.918,25
    +565,58 (+1,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.481,32
    +17,96 (+1,23%)
     
  • HANG SENG

    26.149,90
    +362,69 (+1,41%)
     
  • S&P 500

    4.519,63
    +33,17 (+0,74%)
     

Franco: recupero Pil pre-pandemia nel secondo trimestre 2022

·1 minuto per la lettura
The Minister of Economy Daniele Franco in press conference after the minister's cabinet. Rome (Italy), September 29th 2021 (Photo by Pool/Insidefoto/Augusto Casasoli/Mondadori Portfolio via Getty Images) (Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)
The Minister of Economy Daniele Franco in press conference after the minister's cabinet. Rome (Italy), September 29th 2021 (Photo by Pool/Insidefoto/Augusto Casasoli/Mondadori Portfolio via Getty Images) (Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)

Il governo stima che il terzo trimestre del 2021 si sia chiuso con una crescita del Pil del 2,2% e della produzione industriale di circa l′1%. “Ci aspettiamo di recuperare il livello di Pil pre-pandemia nel secondo trimestre del 2022. Quindi un trimestre prima di quanto ci attendevamo”. Lo ha sottolineato il ministro dell’Economia, Daniele Franco, in audizione sulla nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza (Nadef) davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato.

Alla fine dell’anno, ha ribadito, l’economia avrà recuperato i due terzi di quanto perso nel 2020. “Il 6% è irripetibile ma dobbiamo puntare a tassi di crescita più alti degli scorsi decenni” ha sottolineato il titolare di via XX settembre. “Prevediamo che non vi saranno nuove restrizioni alle attività economiche e ai movimenti delle persone. Se la pandemia riprendesse, i numeri sarebbero a rischio”.

Nel triennio 2022-2024 ci sono margini per intervenire sugli ammortizzatori sociali e “avviare un processo di alleggerimento del carico fiscale” ha proseguito Franco. “La politica di bilancio rimarrà espansiva finché il Pil e l’occupazione non avranno recuperato non solo la caduta ma anche la mancata crescita rispetto al 2019. Nel ’22 e nel ’23 la politica sarà dunque ancora espansiva, nel ’24 riteniamo che la politica di bilancio possa tornare neutrale”, ha aggiunto.

La dinamica del rapporto debito/Pil “è un punto debole perché il rapporto è molto elevato, e la pandemia ha peggiorato la situazione, ma il nostro debito è pienamente sostenibile”. Franco ha spiegato che “abbiamo un’occasione che non avevamo da anni, di debito molto ampio ma con costo medio molto basso”, ed è un’occasione “per abbatterlo il più rapidamente possibile”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli