Italia Markets closed

Fratelli Barbato, il marchio Steve Jobs è loro ma non si può usare

(askanews)

La notizia aveva fatto il giro del mondo: i fratelli Barbato di Arzano, comune a nord di Napoli, a seguito della registrazione nel 2012 del marchio Steve Jobs e di un logo a forma di “J” che richiamava al suo interno la celebre mela morsicata, avevano ricevuto conferma delle loro azioni nel 2017, quando l’Unione Europea aveva dato loro la proprietà intellettuale. Una sconfitta per Apple, che però non ha dato ai Barbato l’opportunità di lucrare sulla loro “furbata”.

Già: dopo la registrazione i Barbato non hanno commercializzato nulla con il nome Steve Jobs, per non incorrere in una pesante vertenza legale. Il nome da loro registrato non è fittizio, ma notorio. Ai sensi dell’articolo 8 comma 3 del codice della proprietà intellettuale i nomi, se notori, possono essere registrati o usati come marchio solo dall’avente diritto o con il consenso di questi; inoltre la registrazione del nome proprio di una persona non deve lederne la fama, il credito o il decoro.

Tutto ciò significa che i fratelli Barbato non possono fare nulla di particolare con il marchio da loro registrato, perché se gli eredi di Jobs volessero agire in tutela avrebbero serie probabilità di vincere in qualunque sede legale. Vero, né gli eredi né Apple hanno avuto l’accortezza di registrare il nome Steve Jobs in tempo da evitare questo susseguirsi degli eventi; ciò non toglie che i Barbato abbiano un solo modo per far fruttare la loro rapidità: vendere il marchio.

(askanews)

Volessero infatti tentare di mettere in vendita prodotti tecnologici, infatti, Apple avrebbe una nuova occasione di opposizione con l’opportunità di richiedere il pagamento di danni e spese legali. Sul web i Barbato sono stati definiti “parassiti”, ma allo stato attuale l’unico modo per cavare fuori del denaro da quel marchio è proprio rivenderlo a Cupertino.

Tuttavia alla Apple pare che nessuno voglia pagare per avere il marchio a disposizione: a questo punto i Barbato sono entrati in un circolo vizioso e rischiano di non poter fare nulla del loro prestigioso marchio.