Italia markets open in 6 hours 29 minutes
  • Dow Jones

    35.258,61
    -36,15 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.021,81
    +124,47 (+0,84%)
     
  • Nikkei 225

    29.194,98
    +169,52 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1624
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    53.473,70
    -216,74 (-0,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.447,22
    -4,42 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    25.409,75
    +78,75 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    4.486,46
    +15,09 (+0,34%)
     

Frausin, Federdistribuzione: green pass situazione sotto controllo

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 14 ott. (askanews) - L'entrata in vigore del Green Pass obbligatorio nel mondo del lavoro non crea particolari problematiche al sistema della grande distribuzione, logistica inclusa: è la posizione del presidente di Alberto Frausin, presidente di Federdistribuzione, organizzazione che le aziende della distribuzione moderna, alimentare e non alimentare, che operano sia con reti di negozi fisici sia attraverso i canali digitali. "A poche ore dall'introduzione del Green Pass obbligatorio nel mondo del lavoro riteniamo che la situazione nei punti vendita delle nostre aziende sia sotto controllo - dice Alberto Frausin, presidente di Federdistribuzione - Sono state messe in campo, grazie a uno sforzo organizzativo notevole, tutte le soluzioni per garantire la sicurezza e la continuità di servizio ai cittadini: stimiamo che la media complessiva di lavoratori privi di certificazione possa essere nell'ordine del 8-9%, se non inferiore, e non prevediamo criticità, al netto di possibili casi isolati. Le nostre aziende stanno monitorando l'evoluzione della situazione sotto tutti gli aspetti, compresa la logistica di fornitura, che al momento non registra particolari problematiche".

Le imprese associate a Federdistribuzione realizzano un giro d'affari di oltre 67 miliardi di euro, con una quota pari al 50% del totale fatturato della Distribuzione Moderna; hanno una rete distributiva di 15.600 punti vendita, danno occupazione a più di 220.000 addetti e rappresentano il 30% del valore dei consumi commercializzabili. "Ricordiamo che il nostro settore, anche nei momenti più bui dell'emergenza, ha sempre operato con un alto senso di responsabilità, come una vera e propria infrastruttura che ha garantito continuità di servizio al Paese - ha aggiunto Frausin - Siamo stati parte attiva nella lotta alla pandemia richiedendo, insieme alle organizzazioni sindacali, la priorità vaccinale per i nostri dipendenti e, successivamente, abbiamo dato anche la nostra disponibilità a gestire le somministrazioni in azienda, ove fosse possibile. L'introduzione del Green Pass obbligatorio nel mondo del lavoro, così come il sostegno all'ampliamento della copertura vaccinale, è una via per accelerare l'uscita dall'emergenza pandemica, che tutti noi speriamo di lasciarci alle spalle".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli