Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    40.444,39
    -1.102,21 (-2,65%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Frenata Cina non scuote Piazza Affari, ENI e Stellantis continuano la loro corsa

·1 minuto per la lettura

Piazza Affari prende fiato dopo le due sedute positive archiviate nella prima parte della settimana. Il sentiment leggermente negativo è dettato principalmente da una serie di indicazioni deludenti giunte dalla Cina, che suggeriscono come il ritorno la variante delta sia impattando più del previsto con il rischio di un rallentamento pronunciato dell'economia. In particolare le vendite al dettaglio hanno segnato ad agosto solo +2,5% rispetto al +7% atteso con i consumatori che hanno tagliato le spese durante le vacanze estive. La produzione industriale cinese è aumentata del 5,3% su base annua ad agosto, evidenziando la sua crescita annuale più debole da luglio 2020. L'indice Ftse Mib dopo i primi minuti di contrattazioni segna -0,07% a 26.008 punti. Tra le big si segnala Generali (+0,45% a 17,68 euro) il cui cda riunitosi ieri ha preso atto della ricandidatura di Donnet per un terzo mandato alla guida della compagnia. I consiglieri non esecutivi a maggioranza hanno espresso apprezzamento per il lavoro svolto e i risultati conseguiti dall'attuale ceo. Il prossimo passaggio chiave sarà il 27 settembre, quando il cda deciderà se presentare o meno una sua lista di candidati. Si muove in rialzo anche oggi ENI (+0,48%), così come Stellantis (+1,17%) con la crisi dei chip sempre in primo piano. Il colosso dell'auto sudcoreano Hyundai sospenderà la produzione dal 15 al 17 settembre sulla scia dell'impatto della crisi globale dei semiconduttori.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli