Italia markets close in 5 hours 9 minutes
  • FTSE MIB

    20.577,89
    -383,49 (-1,83%)
     
  • Dow Jones

    29.134,99
    -125,82 (-0,43%)
     
  • Nasdaq

    10.829,50
    +26,58 (+0,25%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • Petrolio

    78,37
    -0,13 (-0,17%)
     
  • BTC-EUR

    19.624,60
    -1.616,60 (-7,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    429,46
    -29,67 (-6,46%)
     
  • Oro

    1.630,10
    -6,10 (-0,37%)
     
  • EUR/USD

    0,9587
    -0,0011 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.647,29
    -7,75 (-0,21%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.279,94
    -48,71 (-1,46%)
     
  • EUR/GBP

    0,8957
    +0,0018 (+0,20%)
     
  • EUR/CHF

    0,9487
    -0,0027 (-0,29%)
     
  • EUR/CAD

    1,3175
    +0,0006 (+0,04%)
     

Frode fiscale grande distribuzione da 260 million, sequestri anche a GS e Auchan

The logo of Auchan supermarket is pictured in Saint-Sebastien-sur-Loire

MILANO (Reuters) - Il gip di Milano ha disposto oggi il sequestro di 260 milioni di euro, gli arresti domiciliari per nove persone e l'interdizione da incarichi direttivi nelle imprese per altre quattro, nell'ambito di una inchiesta condotta dalla procura su una frode fiscale nella grande distribuzione con l'emissione di 1,8 miliardi di euro di fatture false.

Lo riferisce un comunicato della procura, mentre dall'ordinanza del giudice e dal decreto di sequestro si evince che, per effetto della legge 231 sulla responsabilità delle società per reati ascritti a loro dirigenti, sono indagate la società di supermercati GS (del gruppo Carrefour) e la Auchan, per il periodo precedente al suo passaggio a Margherita Distribuzione.

A GS il giudice ha sequestrato oltre 26 milioni di euro per frodi ipotizzate dal 2015 al 2021, a Margherita (quale ex Auchan) quasi 34 milioni di euro per il periodo 2015-2019. Gli altri circa 200 milioni di euro sono stati sequestrati a 15 degli indagati in relazione ad altre nove società.

Carrefour Italia, che controlla GS, in una nota comunica di aver avviato una indagine interna e "offre la massima disponibilità a collaborare con le autorità competenti, mettendo a disposizione tutte le informazioni necessarie a fare chiarezza sui rilievi formulati".

Non è stato possibile al momento ottenere un commento da Margherita Distribuzione o dai suoi legali.

Oltre alle due catene di supermercati sono indagate come persone giuridiche altre cinque società della grande distribuzione, più piccole e meno note.

Le indagini svolte dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Milano hanno condotto all'inchieste che ipotizza i reati di associazione a delinquere e frode fiscale e che vede indagate 39 persone.

"Le società gestite dai soggetti indagati - si legge nel comunicato della procura - avrebbero sistematicamente effettuato l'acquisto della merce senza l'applicazione dell'Iva, sia attraverso la presentazione a fornitori italiani di lettere di intento mendaci" sia attraverso acquisti da fornitori di altri paesi Ue senza applicare l'Iva grazie a fatture per operazioni inesistenti attraverso società "cartiere", cosiddette "missing trader".

In questo modo, continua il comunicato, "le catene della grande distribuzione organizzata, beneficiarie finali della frode, avrebbero ottenuto un indebito risparmio di imposta connesso all'omesso versamento dell'Iva da parte delle società missing trader".

"L'intero sistema fraudolento era volto, evidentemente, a lucrare attraverso l'evasione Iva prezzi più bassi sul mercato, - scrive il giudice nella sua ordinanza - giacché in tal modo è stato consentito ai distributori effettuare cessioni sottocosto e spartire con le varie società coinvolte (o i loro dipendenti infedeli) premi cospicui".

(Emilio Parodi, editing Francesca Piscioneri)