Italia Markets open in 1 hr 33 mins

Ftse Mib: attesi nuovi sviluppi rialzisti. Spunti su vari titoli

Davide Pantaleo
 

Di (KSE: 003160.KS - notizie) seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Angelo Ciavarella, Head of Global Markets, al quale abbiamo rivolto alcune domande sull'indice Ftse Mib e su alcune blue chips.

Come valuta il recupero in atto per il Ftse Mib e cosa si aspetta per le prossime sedute?

Gli indici dei principali mercati azionari si trovano su livelli piuttosto importanti di resistenza. Mi riferisco in primis all'ostacolo dei 19.200/19.300 punti di Ftse Mib, soglia di prezzo toccata durante la prima discesa e che ora rappresenta un rilevante ostacolo.

Al superamento dei 19.200/19.300 punti mi aspetto che l'indice delle blue chips possa andare a vedere subito i 19.500 punti e in seguito i 19.800/20.000 punti nel breve.
Al ribasso invece, in caso di rottura dei 18.800 punti, il Ftse Mib potrebbe ritornare sul doppio minimo disegnato in area 18.400, corrispondente peraltro al livello più basso del 2018.

Al momento la mia view è costruttiva su Piazza Affari perchè nel breve propendo più per un'evoluzione rialzista che ribassista. Credo che il fronte politico non dovrebbe turbare più di tanto il mercato che ha già prezzato una serie di notizie negative.

Spostando lo sguardo al mercato americano, segnalo che è positiva la riconquista da parte dell'S&P500 di area 2.700 e ora oltre tale soglia c'è spazio per un approdo per un test dei 2.720 punti. In seguito l'indice potrebbe allungare verso i 2.750/2.760 punti, superati i quali potrebbe cambiare il quadro nel brevissimo periodo con target successivo a 2.820 punti.

Al ribasso l'eventuale rottura dei 2.680 punti potrebbe portare l'S&P500 in direzione dei 2.650 punti. Non mi aspetto sconvolgimenti dalle elezioni di metà mandato perchè penso si dovrebbe assistere ad una vittoria democratica, ma il mercato ha già scontato un simile scenario.

Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) settore bancario qual è la sua view su due temi come Banco BPM e Ubi Banca (Amsterdam: UF8.AS - notizie) ?

Banco BPM più di altri titoli è legato all'andamento dei BTP perchè il gruppo è carico di titoli di Stato ed è il più esposto sul mercato per quanto riguarda il debito italiano.
Banco BPM è una sorta di opzione sul BTP e non appena quest'ultimo recupera un po', anche il titolo azionario risale la china.

Le escursioni percentuali di Banco BPM sono spesso più violente anche al rialzo rispetto ad altri titoli bancari, perchè essendo sceso così tanto e valendo di meno, un minimo movimento in termini di valore assume grande valenza in termini percentuali.

Vorresti imparare a fare trading come Angelo Ciavarella?

Iscriviti da qui  per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di  Trend-Online.com

Il titolo potrebbe salire dai valori attuali e andare a rivedere quota 1,92 euro, anche considerando che ha perso davvero tanto fino ad ora, basti pensare che solo nell'ultimo mese ha registrato una flessione del 20%.

Ubi Banca recupera meno rispetto a Banco BPM anche perchè aveva perso in maniera più contenuta prima. Per adesso non interverrei sul titolo e valuterei un eventuale posizionamento long solo sopra i 2,8 euro con target a 3,1/3,2 euro.

Fca ha continuato a perdere terreno dopo la diffusione dei conti del terzo trimestre. Questa flessione ha creato a suo avviso interessanti opportunità per il titolo?

Fca non mi piace più da quando è scomparso l'ex AD Marchionne, perchè non sono sicuro che l'attuale management possa fare molto bene. I dati del gruppo sono stati buoni e per la prima volta Fca paga un dividendo dopo che Chrysler (Xetra: 710000 - notizie) ha fatto record di profitti in America, compensando l'andamento non positivo in Cina e in Europa.

Personalmente attenderei ancora prima di intervenire su Fca che è stato venduto nelle ultime sedute anche in presenza di un mercato positivo. Lascerei perdere il titolo fino a quando non dovesse toccare area 10,5 euro, anche perchè Fca è stato venduto anche dopo buoni risultati societari.

STM (Shenzhen: 000892.SZ - notizie) sta risalendo con decisione la china dopo la forte caduta accusata di recente. Cosa può dirci di questo titolo?

STM ha perso il 15% nell'ultimo mese e dal massimo toccato a giugno a 22,6 euro ha accusato una flessione di quasi il 50%. Non stupisce dunque il recupero del titolo che a mio avviso è da leggere come un semplice rimbalzo.
Aspetterei STM su valori più bassi e tornerei a valutarlo in caso di discese a 12,5 euro, oppure si potrebbe intervenire alla rottura dei 13,8 euro con target a 14,5 euro.

Come valuta il recente andamento di Leonardo e cosa prevede nel breve per questo titolo?

Non mi piace tanto Leonardo in questa fase e preferirei attendere prima di valutare l'apertura di nuove posizioni. Il consiglio è di aspettare una discesa in area 9/8,8 euro, in alternativa si potrebbe considerare un intervento sulla forza sopra i 10,5 euro, con target almeno a 11,5/12 euro. 

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online