Italia markets open in 1 hour 14 minutes
  • Dow Jones

    33.821,30
    -256,33 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    13.786,27
    -128,50 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.514,07
    -586,31 (-2,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2035
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    45.967,01
    -76,25 (-0,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.268,92
    +34,50 (+2,80%)
     
  • HANG SENG

    28.656,04
    -479,69 (-1,65%)
     
  • S&P 500

    4.134,94
    -28,32 (-0,68%)
     

Ftse Mib consolida sopra 24mila punti

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Nuova chiusura positiva per l’azionario milanese che, già in rialzo, nel corso della seconda parte ha potuto contare sulla sponda offerta del meeting della Banca Centrale Europea. Nel confermare il costo del denaro ai livelli attuali, e su questo non vi erano dubbi, l’istituto guidato da Christine Lagarde ha annunciato maggiori acquisti di titoli nel secondo trimestre.

Si tratta di una mossa pensata per ridurre le pressioni rialziste sui tassi, messi alla prova dall’avanzata dei prezzi che fa da inevitabile corollario all’aumento della crescita e dell’occupazione.

“Nei primi mesi dell’anno, il ritmo degli acquisti della BCE è sceso a circa 14 miliardi di euro alla settimana, rispetto ai 20 miliardi precedenti, e gli investitori temevano che la BCE si stesse muovendo di nascosto verso un taper”, ha commentato David Riley, Chief Investment Strategist di BlueBay AM. “L’impegno della BCE ad aumentare il ritmo del suo programma di acquisti -continua l’esperto- riduce significativamente tale rischio”.

Buone nuove sono arrivate anche dal via libera dell’EMA al al vaccino realizzato da Johnson&Johnson e dall’approvazione in via definitiva del piano di stimoli all'economia USA.

In questo contesto il paniere principale delle blue chip di Piazza Affari, il Ftse Mib, si è fermato a 24.121,37 punti, +0,82% rispetto al dato precedente. Le performance migliori sono registrate dal terzetto formato da Moncler (4,45%), Telecom Italia (+4,66%) e STMicroelectronics (+3,95%).

Due velocità dopo la diffusione dei numeri 2020, per Pirelli (-0,91%) e Generali (+0,87%). Nel caso della società degli pneumatici, il risultato netto 2020 è passato da 457,7 a 42,7 milioni di euro mentre il fatturato è sceso del 14,1% a 4,3 miliardi (-19,2% con effetto cambi) mentre il Leone di Trieste ha evidenziato un risultato operativo da record a 5,2 miliardi (+0,3%). Il board della compagnia assicurativa ha annunciato la distribuzione di un super dividendo da 1,47 euro.

Il buonumore in arrivo da Francoforte ha fatto sprofondare lo spread, sceso di oltre 6 punti percentuali a 93 punti base (-12 pb rispetto a venerdì). Questa mattina il Ministero dell’economia ha collocato Btp a 3 e 7 anni per un totale di 8 miliardi di euro: il primo ha registrato un incremento del rendimento di 12 punti base al -0,22% mentre nel caso del secondo i due dati si sono rispettivamente attestati a +13pb ed allo 0,31%. (In collaborazione con money.it).