Italia Markets closed

Ftse Mib al pit stop

Fabio Pioli
 

Il grafico del future sull’indice Ftse Mib 40 sembra trovarsi, nella fase attuale, alla fine di un movimento rialzista di breve periodo.

In base all’analisi delle onde di Elliott risultano infatti del tutto completate le 5 oscillazioni (Figura 1) e che l’indice si sia approssimato al livello di minimo precedente di 20.480 punti.

Figura 1. Future FtseMib40 – grafico giornaliero.

L’ ipotesi è dunque che, se i prezzi dovessero andare sotto tale livello, potrebbero proseguire nella loro discesa.

Allargando il grafico affinché vengano ricompresi i valori da inizio anno, sembrerebbe che questo ultimo rialzo faccia parte di uno più ampio anch’ esso concluso e che, sempre sula base della teoria delle onde di Elliott, troverebbe una appoggio, come minimo, nell’ area di prezzi della precedente onda 4, sintetizzata nel valore 19.900 (Figura 2).

Figura 2. Future FtseMib40 – grafico giornaliero.

Come detto, sarà il superamento o meno al ribasso di 20.480 a decretare la fattibilità dell’arrivo almeno a 19.900.

Su Fincantieri, la candela “doji” su grafico settimanale evidenziata in Figura 3 potrebbe avere fissato il termine, almeno temporaneamente, dell’up-trend.

Figura 3. FINCANTIERI – grafico settimanale.

Diverrebbe dunque probabile uno storno fino ad area di supporto 0,78 da sfruttare con una vendita short a 0,87 con stop-loss a 0,975.

Si trova invece già adesso quasi in corrispondenza dei suoi supporti di medio periodo CIR.

Se si dovesse toccare e tenere il prezzo di 1,2970 (Figura 4) si potrebbe dare luogo ad un acquisto long al fine di tornare in sella al trend principale rialzista e mirare all’ area di massimi corrispondente al prezzo 1,4810.

Figura 4. CIR – grafico settimanale.

Autore: Fabio Pioli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online