Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    29.898,43
    -328,09 (-1,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Ftse Mib poco mosso, spread in riduzione

·2 minuto per la lettura

Partita positiva, la borsa di Milano ha progressivamente ridotto i guadagni in scia del clima di prudenza che sta caratterizzando le ultime sedute. Nel corso della seconda parte, indicazioni positive per il nostro debito pubblico (spread in calo del 2,4% a 115 punti base) sono arrivate dalla parole pronunciate dal n.1 della BCE.

Secondo Christine Lagarde, l’istituto con sede a Francoforte non ha discusso la riduzione del programma di acquisto titoli avviato per contrastare la pandemia. Non c’è una data per la riduzione degli stimoli, ha detto Lagarde, qualsiasi cambiamento dipenderà dai dati che arriveranno.

Sul Ftse Mib, che ha terminato la giornata a 24.880,45 punti (+0,07%), le performance migliori sono state registrate dall’accoppiata formata da Amplifon e Moncler, in aumento rispettivamente del 2,68 e dell’1,54 per cento.

Tra i bancari si segnalano le performance di UniCredit e Mediobanca (+0,9% per entrambe). Per quanto riguarda Piazzetta Cuccia, Fininvest ha ceduto il suo 2% a 174 milioni di euro.

Sopra parità anche Assicurazioni Generali (+0,2%) che ha terminato il primo trimestre con un risultato operativo di 1,6 miliardi, +11% rispetto a 12 mesi prima. I premi lordi sono saliti del 4,2% a 19,7 miliardi mentre l’utile netto è passato da 113 a 802 milioni.

Poco mossa Stellantis (-0,04%) che ha presentato, con la taiwanese Foxconn, la partnership per Digital Cockpit, display e di strumenti per auto, e servizi connessi personalizzati. La nuova joint venture si chiamerà Mobile Drive. “Mobile Drive unirà l’esperienza di Stellantis nella progettazione dei veicoli a 360° e le sue competenze ingegneristiche, con la capacità di Foxconn di sviluppare a livello globale software e hardware per smartphone e elettronica destinata al consumatore finale”, riporta la nota della casa automobilistica. (in collaborazione con money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli