Italia markets close in 48 minutes
  • FTSE MIB

    26.871,90
    +65,71 (+0,25%)
     
  • Dow Jones

    35.688,71
    +198,02 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.382,11
    +146,27 (+0,96%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • Petrolio

    82,54
    -0,12 (-0,15%)
     
  • BTC-EUR

    52.682,38
    +1.593,35 (+3,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,02
    +60,64 (+4,27%)
     
  • Oro

    1.801,70
    +2,90 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1674
    +0,0068 (+0,58%)
     
  • S&P 500

    4.586,32
    +34,64 (+0,76%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.225,59
    +4,71 (+0,11%)
     
  • EUR/GBP

    0,8463
    +0,0022 (+0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,0662
    +0,0014 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4407
    +0,0066 (+0,46%)
     

Ftse Mib precipita sotto i 25 mila, in caduta Banco BPM (-5%) e Unicredit (-4,5%)

·2 minuto per la lettura

Ulteriore accelerazione al ribasso per Piazza Affari in attesa dell'avvio di Wall Street. I futures sugli indici azionari Usa preannunciano un'apertura in deciso ribasso (-1,89% quello sul Dow Jones e -1,7% quello sull'S&P 500) con la paura di un effetto domino della crisi del gigante immobiliare Evergrande, a un passo dal default. Sullo sfondo anche i timori in vista del meeting della Fed, attesa al varco per capire quando effettivamente darà il via al tapering. A Piazza Affari l'indice Ftse Mib si è portato in questi minuti sotto i 25 mila punti per la prima volta da luglio e segna un calo del 2,9%. Sell-off violento soprattutto su energetici e bancari. Tra i peggiori titoli di giornata ci sono big quali Unicredit (-4,53%) e Intesa Sanpaolo (-3,85%). Molto male soprattutto Banco BPM a oltre -5% dopo che il ceo Giuseppe Castagna ha rimarcato che al momento non sembrano esserci presupposti per operazioni di M&A. Castagna ha specificato che non ha avuto contatti con Unicredit da quando è arrivato il nuovo ceo Orcel. Giù di oltre il 5,3% ENI che oggi ha staccato l'acconto cedola 2022 di 0,43 euro per azione. Sotto stress anche il comparto auto con Stellantis arrivata a cedere oltre il 4,6% sotto area 16 euro. A tenere banco è la vicenda airbag prodotti dalla giapponese Takata. Stando a quanto riportato da Reuters, un'indagine dell’Agenzia federale americana sulla sicurezza dei trasporti (Nhtsa) coinvolgerebbe ben 30 milioni di veicoli costruiti tra il 2001 e il 2019 da una ventina di case automobilistiche che in quegli anni montavano airbag prodotti dalla giapponese Takata e che presentavano un difetto di costruzione del componente salvavita considerato a rischio esplosione. Anche Ferrari e Chrysler (gruppo Stellantis) risultano tra le società che usano airbag potenzialmente difettosi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli