Italia markets open in 8 hours 59 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.663,50
    +697,49 (+2,41%)
     
  • EUR/USD

    1,2053
    -0,0035 (-0,29%)
     
  • BTC-EUR

    40.736,70
    +2.868,71 (+7,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,63
    +54,40 (+5,86%)
     
  • HANG SENG

    29.452,57
    +472,36 (+1,63%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Ftse Mib in rialzo, spread stabile

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

La settimana di Piazza Affari inizia con un rialzo. I rally registrati dai titoli del comparto energetico, il Brent nelle ultime cinque sedute è salito di quasi cinque punti percentuali mentre rispetto a un mese fa guadagna il 15%, e da quelli del comparto bancario hanno permesso al Ftse Mib di terminare la prima seduta della settimana a 23.604,31 punti, +0,83% rispetto al dato precedente.

Indicazioni positive arrivano anche dallo spread Btp-Bund, stabile a 91 punti base. Gli analisti ritengono che nei prossimi mesi il differenziale Italia-Germania possa portarsi sui livelli dei dati relativi Spagna e Portogallo in quota 60 punti. Nel corso della giornata il Tesoro ha annunciato di aver affidato a Citigroup, Deutsche Bank, Goldman Sachs, MPS e Nomura il mandato per un’emissione dual tranche mediante sindacato di un nuovo benchmark Btp a 10 anni e di un nuovo benchmark BTP€i a 30 anni.

Sul paniere di Piazza Affari il rally del petrolio ha permesso al terzetto formato da Eni, Saipem e Tenaris di chiudere rispettivamente con un +2,75, con un +4,86 e con un +5,91 per cento.

Sempre sotto i riflettori in vista del processo di consolidamento, anche il comparto bancario ha fatto registrare una seduta positiva (+1,1% per UniCredit, +1,73% di Mediobanca e +1,13% di BPER). Incremento dell’1,03% per Intesa Sanpaolo nel giorno in cui gli analisti di Jefferies hanno ribadito la raccomandazione di acquisto e incrementato il prezzo obiettivo da 2,3 euro a 2,45 euro.

Tra i pochi segni meno sul paniere principale troviamo A2A (-1,12%) che annunciato l’acquisizione di un portafoglio di 17 impianti fotovoltaici per 205 milioni di euro. (in collaborazione con money.it).