Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.848,58
    -214,97 (-0,93%)
     
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,64 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,92 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    28.966,01
    -1.202,26 (-3,99%)
     
  • Petrolio

    61,66
    -1,87 (-2,94%)
     
  • BTC-EUR

    36.929,88
    -3.000,12 (-7,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    912,88
    -20,25 (-2,17%)
     
  • Oro

    1.733,00
    -42,40 (-2,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    -0,0099 (-0,81%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    -1.093,96 (-3,64%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.636,44
    -48,84 (-1,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8667
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0965
    -0,0048 (-0,43%)
     
  • EUR/CAD

    1,5380
    +0,0036 (+0,24%)
     

Ftse Mib ritrova smalto trainato da Unicredit e Telecom, tonfo di Prysmian

Titta Ferraro
·2 minuto per la lettura

Piazza Affari risale la china insieme alle altre Borse UE. Il Ftse Mib ha chiuso in rialzo dell'1,16% tornando a ridosso della soglia dei 22 mila punti. Assist importante dai conti oltre le attese di UBS (utile a +137% nel IV trimestre 2020) e dalla convinzione che la crisi di governo in Italia non porterà alle temute elezioni anticipate. Oggi sono arrivate le dimissioni del premier Conte e già da domani inizierà il giro di consultazioni al Quirinale con lo scenario più accreditato al momento che è di un Conte Ter sostenuto da una maggioranza più consistente. Tra i singoli titoli si segnala la forza del settore bancario, con Unicredit balzata del 4,42% sulla scia del rumor che vede l'imminente scelta di Andrea Orcel come futuro ceo. Molto bene anche Bper con +2,78%. Tra gli industriali si segnala il +3% di Pirelli. In recupero Nexi, anch'essa +3%, e Telecom Italia che ha chiuso a +2,75%. Tra le big spicca il +2,1% di ENI su cui Credit Suisse ha confermato il rating underperform con target price limato da 10,5 a 10,3 euro. Ha rallentato sul finale Saipem a +1,96% che si è comunque giovata della revisione al rialzo della valutazione decisa da Goldman Sachs in vista dei risultati dell'ultimo trimestre del 2020 e dell'intero esercizio (in agenda il prossimo 25 febbraio). Gli analisti hanno confermato la raccomandazione buy su Saipem, ma hanno rivisto al rialzo il target price che passa da 2,4 a 2,8 euro. Goldman Sachs ha ridotto le previsioni sull'Ebitda del 6% e dell'8% rispettivamente per l'esercizio 2020 e per quello 2021 "per riflettere un maggiore impatto da Covid sulla redditività". Tra i pochi segni meno spicca il tonfo del 3,8% di Prysmian.