Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,95 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,77 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    110,35
    +0,46 (+0,42%)
     
  • BTC-EUR

    27.822,22
    -149,89 (-0,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,90 (+0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0562
    -0,0026 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8442
    -0,0039 (-0,46%)
     
  • EUR/CHF

    1,0288
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3556
    -0,0013 (-0,09%)
     

Ftse Mib in rosso, bene UniCredit dopo i conti

(Adnkronos) - L’avvio negativo degli scambi a Wall Street spinge al ribasso i listini europei. Positive nella prima parte, le piazze finanziarie europee sono state penalizzate dall’avvio in rosso delle contrattazioni sulla piazza di New York, che ci ha messo poco a smaltire l’effetto rialzista innescato dal meeting della Federal Reserve.

Come da attese, ieri la banca con sede a Washington ha messo a segno l’incremento maggiore da oltre 20 anni, +50 punti base allo 0,75-1%, escludendo strette più consistenti nei prossimi appuntamenti. Oggi è stata la volta della Bank of England che, con un incremento del tasso benchmark di 25 punti base lo ha portato all’1%. Sulla piazza finanziaria milanese oggi è stato giorno di trimestrali. La performance migliore del Ftse Mib, che ha terminato a 23.759,71 punti (-0,6%), è stata registrata da UniCredit (+2,08%). L’istituto bancario ha visto l’ultima riga di conto economico attestarsi a 1,2 miliardi di euro ed i ricavi totalizzare 4,7 miliardi.

Giornata di numeri anche per Stellantis (-0,72%), che nei primi tre mesi ha totalizzato ricavi per 41,5 miliardi di euro (+12%) grazie, riporta la nota, “a migliori prezzi e mix di prodotti, oltre a cambi di conversione più favorevoli”. Rosso del 12% per le consegne.

In calo anche Telecom Italia (-1,62%), che nel primo trimestre ha registrato ricavi da servizi per 3,4 miliardi di euro ( -2,5% rispetto a 12 mesi prima) confermando la guidance sul 2022, e per Enel (-2,24%).

L’utility guidata da Francesco Starace nel Q1 ha registrato un Ebitda ordinario di 4,486 miliardi di euro (+6,8% su anno) ed un risultato netto ordinario di 1,443 miliardi (+18,9%). Anche in questo caso la società ha ribadito le guidance su Ebitda e utile netto ordinario per il 2022.

Sempre più vicino a quota 200, lo spread Btp-Bund ha segnato un incremento di poco inferiore al punto percentuale portandosi a 199 punti base. (In collaborazione con Money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli