Italia markets close in 4 hours 53 minutes
  • FTSE MIB

    22.664,32
    +13,54 (+0,06%)
     
  • Dow Jones

    31.188,38
    +257,86 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    13.457,25
    +260,07 (+1,97%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • Petrolio

    52,93
    -0,38 (-0,71%)
     
  • BTC-EUR

    26.797,45
    -856,66 (-3,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    644,68
    -55,93 (-7,98%)
     
  • Oro

    1.871,00
    +4,50 (+0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,2140
    +0,0025 (+0,21%)
     
  • S&P 500

    3.851,85
    +52,94 (+1,39%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.639,20
    +15,16 (+0,42%)
     
  • EUR/GBP

    0,8842
    -0,0024 (-0,27%)
     
  • EUR/CHF

    1,0765
    -0,0002 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5323
    +0,0032 (+0,21%)
     

Fumo, Pmi: "Ue segua Fda su prodotti a ridotta esposizione"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

La svolta dell'Fda, la Food and Drug Administration statunitense, che ha dato il via libera alla commercializzazione del sistema 'Iqos'di Philip Morris come prodotto del tabacco che ha una ridotta esposizione a sostanza dannose, "dovrebbe essere seguita anche dall'Ue". E' l'auspicio di Moira Gilchrist, vice president, Strategic & Scientific communications, Philip Morris International (Pmi), durante la videoconferenza stampa promossa da Pmi in occasione del via libera di 'Iqos' dall'agenzia Fda, rispondendo alle domande dei giornalisti.

Secondo Gilchrist "alcuni paesi, come l'Olanda, la Germania, l'Inghilterra, sono già giunti alle conclusioni a cui è giunta l'Fda". La svolta arrivata dall'agenzia americana potrebbe "incoraggiare gli stessi governi dell'Ue nella direzione di autorizzare la commercializzazione di Iqos con la dicitura di ridotta esposizione".

Tornando nel merito di quanto ha stabilito l'agenzia Usa, la vice presidente Strategic & Scientific communications di Philip Morris International ha ricordato che "la decisione dell'Fda è stata presa in assenza di studi epidemiologici di lungo termine. Ciò respinge fermamente la nozione di divieto come misura precauzionale - ha osservato - La decisione dell'Fda dimostra chiaramente che esistono già prove sufficienti per prendere decisioni che consentano ai fumatori adulti di accedere al prodotto e ricevere informazioni corrette che possano guidare le loro scelte"