Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.709,56
    -254,37 (-0,98%)
     
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,44 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,96 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    71,96
    -0,65 (-0,90%)
     
  • BTC-EUR

    41.150,19
    +596,25 (+1,47%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.193,48
    -32,05 (-2,62%)
     
  • Oro

    1.753,90
    -2,80 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    -0,0040 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.130,84
    -39,03 (-0,94%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0927
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4966
    +0,0044 (+0,29%)
     

Funziona davvero la lista di cosa mangiare dopo i 40 anni per non ingrassare? *Spoiler* Sì

·4 minuto per la lettura
Photo credit: nataliya melnychuk - Unsplash
Photo credit: nataliya melnychuk - Unsplash

Che il metabolismo cambi (in peggio), una volta spente le 40 candeline, non è certo un segreto. L’avanzare dell’età, infatti, rallenta diversi processi fisiologici e ormonali. Per fare in modo che il nostro organismo, nonostante questi cambiamenti, continui a funzionare nel migliore dei modi, è fondamentale garantirsi i nutrienti giusti scegliendo alimenti adeguati.

Dopo i 40 anni è bene privilegiare cibi ricchi di vitamina E, sostanza antiossidante, che contrasta l’invecchiamento cutaneo e l’insorgenza di rughe e di vitamine A, che stimola la circolazione, migliora l’elasticità dei tessuti e protegge le ossa. Non devono mancare nemmeno acidi grassi Omega3, contenuti per esempio nel pesce e nelle noci, che proteggono l’apparato cardiovascolare e il cervello, organi maggiormente esposti ai rischi delle variazioni ormonali. Minerali come potassio, calcio e magnesio, infine, sono indispensabili per il benessere delle ossa, per il funzionamento dei muscoli e della circolazione sanguigna.

Alla domanda dunque: "funziona davvero la lista di cosa mangiare dopo i 40 anni per non ingrassare?" la risposta è sì. L'abbiamo stilata, siete pronte per memorizzarla?

Salmone
Il salmone, ma anche altri pesci grassi come lo sgombro, il tonno, le sardine e le aringhe sono una buona fonte di acidi grassi Omega 3 utili a cuore, pressione e articolazioni.

Avena
Ricca di beta-glucani, è utile per ridurre la presenza di colesterolo cattivo. In più protegge le arterie dall’accumulo di grassi.

Latte intero
Aiuta a contrastare la riduzione della massa muscolare, che purtroppo è direttamente proporzionale all’avanzamento dell’età!

Ciliegie
Ricche di antiossidanti, proteggono dall’accumulo di acido urico e dall’artrite.

Prugne
Non sono solo ricche di fibre, ma anche di calcio, minerale indispensabile al benessere di denti e ossa.

Soia
Gli isoflavoni contenuti in questo legume non solo abbassano il colesterolo, ma contribuiscono a migliorare la densità ossea per le donne che sono già entrate in menopausa.

Photo credit: abdurahman iseini - Unsplash
Photo credit: abdurahman iseini - Unsplash

Pomodori
Rappresentano un’ottima fonte di licopene, un potente antiossidante utile per contrastare la diffusione delle cellule tumorali e l’arteriosclerosi aiutando, inoltre, il cuore.

Sedano
Diuretico, favorisce l’eliminazione di tossine, che con l’età tendono ad accumularsi nell’organismo con più facilità. Il suo consumo, inoltre, rallenta l’assorbimento degli zuccheri.

Carote
La presenza di vitamina C e di beta-carotene rende questi ortaggi particolarmente ricchi di antiossidanti, sostanze utili a contrastare i radicali liberi e l’invecchiamento. La vitamina A, invece, aiuta a proteggere la cornea e a prevenire la degenerazione maculare, una malattia che colpisce la retina.

Olio extravergine di oliva
Ricco di acido oleico è utile per pulire il sangue dal colesterolo “cattivo”.

Photo credit: Roberta Sorge - Unsplash
Photo credit: Roberta Sorge - Unsplash

Quinoa
Rispetto alla maggior parte degli altri cereali, è molto ricco di fibre. Non mancano proteine, amminoacidi essenziali, magnesio, ferro, acido folico e acidi grassi Omega-3. Il suo consumo è utile per prevenire malattie cardiovascolari e diabete.

Mandorle
Sono ricche di minerali e di vitamina E, un potente antiossidante necessario al benessere della pelle e a dell'apparato cardiovascolare.

Noci
Rappresentano un’ottima fonte di minerali come potassio, magnesio e calcio, ma anche Omega 3, alleati del cuore.

Kiwi
Buona fonte di potassio, questo frutto aiuta a contrastare l’insorgere di crampi muscolari. In più, essendo ricco di fibra solubile, riduce la stitichezza, aiuta la digestione e migliora il transito intestinale.

Banane
Contengono diversi minerali, in particolare potassio, utile per vincere stress e stanchezza magnesio e fosforo e di vitamina B3 e C. Riducono il gonfiore addominale, proteggono dallo sviluppo del diabete di tipo 2 e rafforzano il sistema immunitario.

Verdure a foglia verde
Spinaci, cavoli, bietole, cavolo nero sono particolarmente ricchi di vitamina K, che aiuta a rafforzare le ossa e a combattere l’osteoporosi.

Patate dolci
Sono ricche di vitamina B. Il loro consumo beneficerà a pelle, capelli e unghie.

Curcuma
Ottima fonte di minerali, ma soprattutto di antiossidanti e di sostanze antinfiammatorie. Contrasta le malattie cardiache, rafforza il rivestimento dei vasi sanguigni e agisce anche sui livelli di colesterolo. Usata per insaporire le pietanze è utile per ridurre il consumo di sale, nemico di pressione alta e ritenzione idrica.

Aglio
Rappresenta una buona fonte di diversi minerali tra cui potassio, calcio, fosforo, selenio e vitamine in particolare vitamina C e alcune del gruppo B.

Photo credit: Gaelle Marcel - Unsplash
Photo credit: Gaelle Marcel - Unsplash

Tè verde
Aiuta a contrastare l’invecchiamento cellulare poiché particolarmente ricco di antiossidanti.

Cioccolato fondente
Le molteplici sostanze antiossidanti presenti nel cioccolato fondente hanno un effetto protettivo sul sistema cardiovascolare riducendo il rischio di infarto e di ictus. Il suo consumo, inoltre, fa aumentare i livelli si serotonina, una molecola che gioca un ruolo fondamentale nella regolazione dell’umore.

Vino rosso
Un bicchiere di vino rosso ai pasti è utile per prevenire la formazione di coaguli nel sangue e tenere sotto controllo il colesterolo cattivo.

Photo credit: Courtesy Unsplash
Photo credit: Courtesy Unsplash
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli