Italia Markets closed

Fusioni e acquisizioni fanno ripartire il settore biotech

Antonio Cardarelli
·2 minuto per la lettura
Fusioni e acquisizioni fanno ripartire il settore biotech
Fusioni e acquisizioni fanno ripartire il settore biotech

La recente serie di M&A ha dato un’iniezione di adrenalina a un settore duramente colpito dal sell-off di marzo: nell’analisi di GAM Investments i casi Immunomedics e MyoKardia

Dalla nuova serie di fusioni e acquisizioni (M&A) è arrivata una scossa per il settore biotech, rimasto leggeremente indietro rispetto al mercato dopo il sell-off di marzo. A fare il punto sui movimenti del settore è Christophe Eggmann, Investment Director e Responsabile del fondo GAM Health Innovation Equity di GAM Investments.

L’AFFARE GILEAD-IMMUNOMEDICS

Tra gli eventi più rilevanti c’è sicuramente l’acquisizione di Immunomedics da parte di Gilead, un affare da 21 miliardi di dollari annunciato all’inizio di settembre che, sottolinea Eggmann, “contribuirà a rafforzare il portafoglio oncologico della società”. Una settimana dopo è arrivato l’annuncio, da parte di Illumina, dell’acquisizione di Grail per 7 miliardi di dollari e poco dopo Bristol-Myers Squibb ha proceduto all’acquisizione di MyoKardia per 12 miliardi di dollari.

L’INNOVAZIONE DI MYOKARDIA

“Tutte queste società - commenta Eggmann - sono state acquisite a fronte di un sostanzioso premium, evidenziando il valore che le realtà a più elevata capitalizzazione della biofarmaceutica attribuiscono all'innovazione nel tentativo di rafforzare il proprio posizionamento strategico”. MyoKardia sta sviluppando un farmaco per la cura della cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva e non ostruttiva. L’azienda, dopo una fase di sperimentazione di successo, prevede di sottoporre il farmaco alla FDA all’inizio del 2021. Inoltre, MyoKardia ha utilizzato il machine learning per migliorare gli strumenti diagnostici e renderli meno invasivi: in questo modo i tassi diagnostici dovrebbero migliorare ampliando così le dimensioni mercato potenziale.

FONDAMENTALE L’INCONTRO CON I MANAGER

“Quando si considera una posizione in aziende come MyoKardia, riteniamo che un approccio personale sia essenziale – spiega l’esperto di GAM - A nostro avviso, l'incontro faccia a faccia con il management è fondamentale per valutare accuratamente il programma di sviluppo di un farmaco in aree terapeutiche storicamente rischiose prima che i dati pubblici vengano rilevati da studi clinici. Gli incontri consentono di andare oltre le dichiarazioni standard degli analisti e di arrivare al cuore delle preoccupazioni o delle domande che non sono ancora state discusse”.

PREMIATA BRISTOL-MYERS SQUIBB

“Questi incontri - prosegue Eggmann - sono una componente integrante del nostro processo di investimento ed evidenziano il valore che si può ottenere da un confronto diretto con i team di gestione. L'enfasi sull'innovazione nell'approccio di MyoKardia allo sviluppo e alla diagnostica delle piccole molecole è stata chiara - e il valore di questo si riflette chiaramente nel prezzo pagato da Bristol-Myers Squibb nel 2020. Rimaniamo fiduciosi che il focus su approcci innovativi per affrontare le esigenze mediche non soddisfatte si rivelerà utile per identificare le aziende innovative in cui intravediamo un potenziale di crescita a lungo termine”.