Italia markets close in 8 hours 15 minutes
  • FTSE MIB

    21.354,65
    0,00 (0,00%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,86 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,14 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    26.153,81
    +218,19 (+0,84%)
     
  • Petrolio

    108,55
    +0,12 (+0,11%)
     
  • BTC-EUR

    18.314,02
    -150,53 (-0,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    412,21
    -7,93 (-1,89%)
     
  • Oro

    1.812,10
    +10,60 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,0434
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.858,37
    -1,42 (-0,01%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.469,96
    +21,65 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,8608
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    0,9999
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,3421
    -0,0012 (-0,09%)
     

Futuro oncologia è in profilazione molecolare. Cipomo: entri nei Lea

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 20 mag. (askanews) - Il futuro dell'oncologia è nella diagnosi molecolare, conosciuta come next-generation sequencing (NGS), e nelle terapie di precisione ritagliate "su misura" per ogni singolo paziente. Una personalizzazione delle cure che consente di ottenere maggiori risultati e minori effetti collaterali, evitare il rischio di tossicità per i pazienti e anche di ottimizzare i costi per il SSN. Una rivoluzione copernicana già in atto nell'oncologia, ma che ha bisogno di leve certe per essere interamente compiuta e implementata. Per questo il Collegio Italiano Primari Oncologi Medici Ospedalieri (CIPOMO) chiede l'inserimento nei LEA della profilazione molecolare estesa per i tumori per i quali è attualmente raccomandata dalle linee guida europee e per quelli che si aggiungeranno in futuro. Chiede inoltre che gli NGS siano previsti e rimborsati dal SSN per i tumori rari orfani di terapie efficaci e che sia garantito l'accesso uniforme su tutto il territorio nazionale ai test e alle terapie che dovessero risultare indicate. Infine, dato l'aumento esponenziale dei pazienti neoplastici da sottoporre già oggi a NGS, in base alle raccomandazioni dell'Esmo (European Society of Medical Oncology), chiede che l'accesso tempestivo ai Molecular Tumor Boards (MTB) di riferimento sia garantito a tutte le UO di Oncologia, così come la prescrivibilità dei farmaci che dovessero risultare indicati in base agli esiti dei test.

Hanno le idee chiare gli oncologi del CIPOMO, riuniti a Cagliari per il XXVI Congresso dal titolo "Dalle ceneri del Covid una nuova Fenice: l'oncologia che sarà, l'oncologia che vorremmo". L'oncologia di precisione è una delle più importanti novità culturali e organizzative in ambito oncologico negli ultimi anni. Tramite la caratterizzazione genetico-molecolare e le informazioni di dettaglio ottenibili dallo studio con sequenziamento molecolare della neoplasia si può giungere alla selezione della terapia più appropriata per ogni singolo paziente. La terapia impostata e guidata da alterazioni molecolari specifiche permette infatti di scegliere una cura personalizzata con farmaci innovativi sulla base di biomarcatori predittivi di risposta che consentono di aumentare la probabilità di beneficio da una specifica molecola, di evitare il rischio di tossicità ai pazienti con scarse possibilità di beneficio e di controllare i costi della spesa farmaceutica oncologica. Inoltre, i sequenziamenti estesi permettono di individuare anche mutazioni germinali che predispongono allo sviluppo di tumori ereditari; per cui si può andare "oltre" il singolo paziente e sorvegliare gli altri soggetti a rischio della stessa famiglia. A questo si aggiunge il fatto che con gli NGS si possono studiare fino a 300 mutazioni genetiche in una sola analisi partendo dai campioni di tessuto tumorale o anche dal sangue dei pazienti.

Per tutti questi motivi, lo "spostamento" verso l'oncologia di precisione ormai è necessario; l'ESMO raccomanda l'esecuzione di NGS in tutti i casi di tumore avanzato del polmone non a piccole cellule (NSCLC), dell'ovaio, della prostata e delle vie biliari (colangiocarcinoma). Complessivamente ogni anno in Italia vengono diagnosticati più di 87mila nuovi casi solo di questi tumori in maggior parte già in stadio avanzato (ad eccezione del tumore della prostata). Ai casi di nuova diagnosi vanno aggiunti quelli diagnosticati in fase iniziale e progrediti in uno stadio avanzato. Infine esistono tumori rari, spesso orfani di una terapia efficace, nei quali eventuali mutazioni target evidenziate dagli NGS rappresentano l'unica possibilità di cura.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli