Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.999,32
    -438,94 (-1,40%)
     
  • Nasdaq

    11.218,01
    -306,54 (-2,66%)
     
  • Nikkei 225

    27.049,47
    +178,20 (+0,66%)
     
  • EUR/USD

    1,0527
    -0,0059 (-0,56%)
     
  • BTC-EUR

    19.311,31
    -629,73 (-3,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    441,99
    -8,08 (-1,79%)
     
  • HANG SENG

    22.418,97
    +189,45 (+0,85%)
     
  • S&P 500

    3.829,22
    -70,89 (-1,82%)
     

G7 Energia chiede all’Opec di aumentare l’offerta di petrolio

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 mag. (askanews) - Il G7 dei ministri dell'Energia chiede all'Opec, il cartello degli esportatori di petrolio di aumentare l'offerta per contrastare i rincari dei prezzi causati dalla guerra in Ucraina, ma soprattutto dalle sanzioni contro la Russia che gli stessi sette grandi hanno adottato.

"Chiediamo i produttori di petrolio e gas di agire in maniera responsabile e di rispondere all'aumento della tensione sui mercati internazionali, facendo rilevare che l'Opec ha un ruolo chiave da giudicare", si legge sul comunicato diffuso al termine del vertice dei ministri di energia e clima del G7, citato dal Financial Times.

Il G7 giudica una questione urgente che l'Unione Europea riduca la sua dipendenza dal gas naturale della Russia e ha ribadito l'importanza a questo scopo delle forniture di gas naturale liquefatto.

Il quotidiano finanziario fa notare che a dispetto delle pressioni del G7 non è chiaro come reagiranno i produttori di greggio. Ad esempio l'Arabia Saudita - primo produttore globale e dell'Opec - finora ha resistito alle richieste occidentali di aumentare l'offerta per abbassare i prezzi, sostenendo che non vi è penuria di forniture.

Peraltro l'erede al trono saudita, il principe Abdulaziz bin Salman ha affermato che punta a accordi che includano Mosca. E intanto i giganti emergenti, come Cina, India o il Brasile hanno evitato di schierarsi contro la Russia al fianco di Usa e Ue. Il G7 include Usa, Canada, Gran Bretagna, Francia, Italia, Germania e Giappone.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli