Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.103,79
    -103,41 (-0,64%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8576
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4193
    +0,0068 (+0,48%)
     

G8, continua mobilitazione in Francia per ex no global Vecchi: Attesa decisione Cassazione l'11

(Adnkronos) - Continua in Francia la mobilitazione a sostegno di Vincenzo Vecchi, l'ex no global italiano ricercato per i fatti del G8 di Genova del 2001 e che è stato arrestato in Francia nell'agosto del 2019 dopo una latitanza di 8 anni. Oggi all'iniziativa del deputato della sinistra Nupes Pierre Dharréville si è svolta all'Assemblée Nationale, sede della Camera dei Deputati francese, una conferenza stampa che ha visto la partecipazione di una ventina di parlamentari transalpini tra cui Danièle Obono (La France Insoumise, Nupes), il leader di La France Insoumise Jean - Luc Mélenchon ma anche Eric Vuillard, lo scrittore e cineasta francese che nel 2017 che ha vinto il prestigioso premio letterario Goncourt per il suo romanzo 'L’ordine del giorno'.

Il Comitato di solidarietà a Vecchi resta mobilitato in vista dell'udienza della Corte di Cassazione francese che deciderà sull'eventuale estradizione in Italia di Vecchi. Il 6 novembre 2020 il Procuratore aveva deciso di ricorrere in Cassazione contro la decisione della Corte di Appello di Angers che non aveva riconosciuto il reato di devastazione e saccheggio. Il Tribunale di Angers aveva invece riconosciuto altre due condanne, per l’aggressione a un fotografo e il possesso di una molotov, in base alle quali Vecchi avrebbe dovuto scontare ancora un avanzo di pena di 1 anno, 2 mesi e 23 giorni, in Francia o in Italia.

A luglio scorso la Corte di giustizia europea, che era stata sollecitata dalla Corte di Cassazione francese, ha emesso un parere in cui sottolineava che la Francia non poteva opporsi all'esecuzione del Mandato d'arresto europeo e quindi all'estradizione di Vecchi. In un appello pubblicato ieri da 'Le Monde' intellettuali tra cui Vuillard ma anche gli scrittori Annie Ernaux, Pierre Le Maitre e il regista Robert Guédiguian, chiedevano "alla giustizia francese e alla Corte di Cassazione di assumere un ruolo di protettore dei diritti fondamentali confermando la decisione della Corte di Appello di Angers e giudicando irregolare il mandato di arresto europeo".

Vecchi, 49 anni, era stato condannato, con sentenza resa definitiva dalla Corte di Cassazione italiana il 13 luglio 2012, alla pena di 11 anni e 6 mesi per le violenze verificatesi durante il G8 di Genova. Aveva inoltre riportato una condanna a 4 anni di reclusione per alcuni scontri che hanno avuto luogo in occasione di una manifestazione antifascista a Milano nel marzo del 2006. Per quanto riguarda la condanna per i fatti di Milano è stato ritenuto in Francia che la pena era stata già scontata e quindi è decaduto uno dei due mandati europei. Vecchi, originario di Bergamo, vive attualmente a Rochefort-en-Terre, in Bretagna, da quando è stato scarcerato, ossia dal 15 novembre 2019. Prima del suo arresto lavorava da molti anni come imbianchino mentre adesso ha ritrovato un lavoro nella costruzione di alloggi ecologici a Questembert, sempre in Bretagna.

Il caso dell'ex no global Vecchi era già finito in Francia alla Cassazione. Dopo la decisione del novembre del 2019 della Corte di Appello di Rennes che aveva deciso la scarcerazione di Vecchi il Procuratore di Rennes era ricorso i Cassazione. Il 18 dicembre 2019 la Corte francese aveva annullato la sentenza del tribunale di Rennes che aveva ritenuto che la procedura nei confronti di Vecchi fosse nulla in quanto il Procuratore francese non aveva trasmesso alle autorità italiane il nome dell'avvocato italiano di Vecchi e questo, aveva stabilito la Corte, aveva portato un pregiudizio ai diritti della difesa. La Corte di Appello di Angers, invece, si è espressa nel merito della questione, cioè sulla regolarità del mandato di arresto europeo.