Italia markets open in 2 hours 35 minutes
  • Dow Jones

    31.961,86
    +424,51 (+1,35%)
     
  • Nasdaq

    13.597,97
    +132,77 (+0,99%)
     
  • Nikkei 225

    30.129,97
    +458,27 (+1,54%)
     
  • EUR/USD

    1,2186
    +0,0018 (+0,15%)
     
  • BTC-EUR

    40.995,02
    -1.170,04 (-2,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    997,17
    +2,49 (+0,25%)
     
  • HANG SENG

    30.317,26
    +599,02 (+2,02%)
     
  • S&P 500

    3.925,43
    +44,06 (+1,14%)
     

GameStop: cosa succede quando il gioco finisce?

Virgilio Chelli
·3 minuto per la lettura
GameStop: cosa succede quando il gioco finisce?
GameStop: cosa succede quando il gioco finisce?

Neuberger Berman analizza il temporaneo scollamento dai fondamentali e vede un ritorno alla normalità con un ‘game over’ delle speculazioni: il caso GameStop non pregiudicherà un buon 2021 per l’azionario

Uno dei fenomeni emersi nella crisi da coronavirus è stato il trading speculativo su opzioni e singoli titoli da parte degli investitori retail. Settimana scorsa la tendenza ha raggiunto nuovi picchi di frenesia, con questi investitori che hanno puntato gli occhi su titoli poco apprezzati e presi di mira da operazioni di short selling da parte degli hedge fund, acquistando azioni e opzioni call, con grande risonanza sui social media. Nelle sue "Prospettive settimanali del CIO" Joseph V. Amato, President and Chief Investment Officer – Equities di Neuberger Berman, si occupa del caso GameStop per chiedersi: “Cosa succede quando il gioco finisce?”

SCOLLAMENTO DAI FONDAMENTALI

Amato osserva che l’option trading speculativo non è per forza un segnale diffuso e insostenibile di scollamento tra fondamentali e quotazioni, ma quando le azioni di una modesta catena di negozi per la vendita di videogame aprono l’anno a 19 dollari e toccano i 470 dollari a fine gennaio, sta ovviamente accadendo qualcosa di strano. Il tutto ha dato il via a un incredibile effetto valanga. Chi aveva venduto opzioni call è stato costretto ad acquistare il titolo sottostante, spingendolo al rialzo.

SHORT SELLER IN DIFFICOLTÀ

La ricostruzione di Amato prosegue ricordando che così gli short seller si sono trovati in difficoltà e sono stati, a loro volta, costretti a coprirsi ricomprando il titolo, che ha raggiunto una capitalizzazione di mercato (teorica) superiore ai 30 miliardi di dollari, insediandosi per breve tempo al vertice dell’indice Russell 2000. Per alcuni, afferma nel suo commento l’esperto di Neuberger Berman, la vicenda potrebbe somigliare a un classico short squeeze, come se ne sono visti tanti in passato, ma invece presenta diverse novità.

COME GIOCARE ALLA LOTTERIA

Secondo Amato infatti queste operazioni somigliano molto ai biglietti della lotteria, e i social media non hanno fatto che amplificare il messaggio di un possibile arricchimento immediato. L’allentamento delle regole di intermediazione ha reso i mercati più facilmente accessibili ai day trader, mentre una serie di fattori ha contribuito a creare una situazione straordinaria. Tra questi Amato cita le basse commissioni, l’enorme liquidità iniettata dalla Fed, un esercito di persone costrette tra le mura domestiche e l’aumento dei risparmi impinguati anche dai sussidi antivirus.

NESSUN RISCHIO SISTEMICO

Ma, prosegue Amato, non sembra essere stata rispecchiata la realtà dei fondamentali, sottolineando che il rapporto tra gli option trader che scommettono al rialzo e quelli al ribasso è vicino al picco ventennale. Di qui la domanda se quanto successo su GameStop implichi una minaccia per gli altri investitori o ponga in essere un rischio sistemico. A volte capita che investitori e mercati perdano di vista i fondamentali, che invece secondo Amato sono l’unica cosa che conta nel lungo termine, anche se nel breve lo scollamento dalla realtà può causare una volatilità significativa.

OTTIMO ANNO PER LE AZIONI

In ultima analisi, l’esperto di Neuberger Berman resta dell’avviso che l’anno appena iniziato possa rivelarsi ottimo per l’azionario, perché al contrario dei titoli trascinati dalle operazioni su opzioni, le valutazioni generali si basano su fondamentali in miglioramento. Guardando alla stagione delle trimestrali, Amato sottolinea che già nove società su dieci dell’S&P 500 hanno superato il consenso mentre sono partite diverse campagne per il riacquisto di azioni, con tassi d’interesse prossimi a zero e banche centrali che con ogni probabilità manterranno un orientamento accomodante.

GAME OVER PER LE SCOMMESSE

I principali indicatori inoltre denotano un rafforzamento della fiducia delle imprese, mentre il Fmi ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita globale e degli Stati Uniti. Il tutto rispecchia un giustificato ottimismo, anche perché è in arrivo il ricco pacchetto di stimoli dell’amministrazione Biden, mentre le campagne vaccinali lasciano sperare che si possa raggiungere la cosiddetta “immunità di gregge” entro l’estate. La conclusione dell’esperto di Neuberger Berman è che quando la partita su GameStop sarà “game over”, equivarrà a un segnale di ritorno alla vita normale fatta di produzione, consumo e investimenti. E niente scommesse.