Italia markets open in 3 hours 59 minutes
  • Dow Jones

    34.137,31
    +316,01 (+0,93%)
     
  • Nasdaq

    13.950,22
    +163,95 (+1,19%)
     
  • Nikkei 225

    29.099,93
    +591,38 (+2,07%)
     
  • EUR/USD

    1,2053
    +0,0013 (+0,11%)
     
  • BTC-EUR

    44.647,04
    -2.259,75 (-4,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.245,48
    -17,48 (-1,38%)
     
  • HANG SENG

    28.746,75
    +124,83 (+0,44%)
     
  • S&P 500

    4.173,42
    +38,48 (+0,93%)
     

Garavaglia: puntiamo sul brand Italia, sul digitale e il dialogo

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 16 mar. (askanews) - "Rafforzare la promozione del brand Italia. Non basta dire che siamo il Paese più bello del mondo, ma bisogna fare che poi la gente poi venga in Italia". Lo ha detto il ministro del Turismo Massimo Garavaglia in audizione alla Commissione Attività produttive della Camera dei Deputati. "Per esempio - ha detto Garavaglia - dobbiamo iniziare a lavorare adesso per le Olimpiadi del 2026, con una serie di eventi che già da quest'anno coinvolgeranno tutti i comuni del sistema Paese, stesso dicasi per il Giubileo del 2025".

Il ministro poi ha sottolineato la necessità di una "rivoluzione digitale. Qui abbiamo un'opportunità enorme - ha detto - il turismo in digitale vale già il 50% del totale, occorre valorizzare la filiera e quello che vogliamo fare è realizzare un ecosistema digitale che diventi soggetto aggregatore di quello che ci sarà a tutti i livelli. Il ministero si offre di essere il soggetto che aggrega tutti i portali e tutte le risorse digitali esistenti per il turismo".

Altro aspetto programmatico del nuovo ministero del Turismo è quello di superare la frammentazione. "L'istituzione del dicastero - ha aggiunto il ministro - ha superato la frammentazione orizzontale delle competenze su diversi ministeri con un unico snodo di coordinamento. L'altra frammentazione l'abbiamo in verticale, nel rapporto con le regioni. Ci siamo sentiti con la Conferenza delle regioni e con i presidenti dei Consigli regionali e ci siamo trovati d'accordo sui punti chiave: il digitale e la promozione unitaria del brand Italia. Il fatto he ci sia da subito una collaborazione con il sistema regionale ci permette di superare una storica frammentazione".