Italia markets close in 7 hours 23 minutes
  • FTSE MIB

    23.224,51
    -40,35 (-0,17%)
     
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.408,17
    -255,33 (-0,86%)
     
  • Petrolio

    59,84
    -0,80 (-1,32%)
     
  • BTC-EUR

    40.826,63
    +1.785,27 (+4,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    985,37
    -1,28 (-0,13%)
     
  • Oro

    1.719,90
    -3,10 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,2005
    -0,0055 (-0,46%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     
  • HANG SENG

    29.095,86
    -356,71 (-1,21%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.704,25
    -2,37 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8648
    -0,0005 (-0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,1028
    +0,0010 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,5230
    -0,0001 (-0,01%)
     

Gas for Climate a Ue: vincolante 11% gas da rinnovabili in 2030

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 gen. (askanews) - Introdurre un target vincolante al 2030 dell'11% di gas rinnovabili sul totale della domanda finale europea di gas come passo necessario per contribuire al raggiungimento degli obiettivi climatici dell'Unione europea, che prevedono la riduzione delle emissioni di gas serra del 55% entro il 2030. Il target dell'11% dovrebbe essere introdotto nella Direttiva sulle energie rinnovabili dell'Ue.

È quanto propone alla Commissione europea il nuovo policy paper pubblicato oggi dal consorzio Gas for Climate, composto da undici società di infrastrutture energetiche, tra le quali l'italiana Snam, e due associazioni di biometano, incluso il Cib - Consorzio Italiano Biogas.

Il documento segue il report Gas Decarbonisation Pathways 2020-2050 presentato lo scorso anno da Gas for Climate, che suggerisce ulteriori misure che consentirebbero ai gas rinnovabili di giocare un ruolo importante nel raggiungimento degli obiettivi climatici dell'Ue a breve e lungo termine.

Per garantire un'accelerazione della crescita del mercato dei gas rinnovabili all'interno dell'Unione europea, la prevista quota dell'11% è sostenuta da due sotto-obiettivi vincolanti e relativi all'idrogeno verde e al biometano, spiega una nota del consorzio. "Almeno l'8% del gas utilizzato nella Ue al 2030 deve essere biometano e una percentuale di almeno il 3% deve essere rappresentata dall'idrogeno verde. I sotto-obiettivi si basano sul fatto che il biometano è già disponibile e scalabile a livello commerciale in maniera sostenibile, mentre l'idrogeno verde può cominciare a crescere nei prossimi anni. Gas for Climate prevede che l'obiettivo dell'11% di gas rinnovabili si traduca in obiettivi nazionali differenziati".

Il 2030 sarà un anno "cruciale per lo sviluppo del biometano da biomassa sostenibile e per l'idrogeno verde".

A sostegno di questi obiettivi, anche Desfa, l'operatore greco di infrastrutture del gas, è entrato a far parte di Gas for Climate, che adesso conta adesioni da nove stati membri.