Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.162,83
    -120,20 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,0343
    -0,0061 (-0,59%)
     
  • BTC-EUR

    15.684,31
    -462,32 (-2,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    380,17
    -0,12 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.297,94
    -275,64 (-1,57%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     

Gas, crescono ancora stoccaggi in Italia, +45 mln m3

(Adnkronos) - Continuano le iniezioni di gas negli stoccaggi italiani anche grazie al fatto che la domanda è in calo grazie allo spegnimento dei condizionatori e al fatto che non sono stati accessi i riscaldamenti. Oggi la previsione è di circa 45 milioni di metri cubi. Secondo i dati di Snam, visionati dall'Adnkronos, la previsione di gas immesso in rete per fine giornata è di circa 200 milioni di metri cubi a fronte di consumi intorno ai 140 milioni di metri cubi. Il livello di riempimento degli stoccaggi in Italia si attesta ad oltre il 91% (91,15% al 2 ottobre) contro 89,32% come media Ue.

I flussi di importazione da Mazara del Vallo, l'entry point del gas algerino, si attestano a oltre 60 milioni di metri cubi. A Melendugno, con i flussi dall'Azerbaigian via Tap, le forniture si attestano ad oltre 30 mln di metri cubi. A Passo Gries, con le forniture proveniente da Nord Europa, il flusso è poco sotto 30 mln. Oggi anche Tarvisio è tornato leggermente in attivo ma con meno di 10 mln di metri cubi: ma non sono flussi dalla Russia ma flussi spot di gas austriaco. Anche i tre rigassificatori stanno immettendo gas. L'export oggi è più basso della scorsa settimana (sabato e ieri) perché il livello dei prezzi di tutti i mercati si è allineato a differenza dei giorni scorsi quando i mercati austriaci e tedeschi erano leggermente più alti favorendo le esportazioni.

Per quanto riguarda i principali paesi europei, si legge dai dati Gie (Gas Infrastructure Europe) aggiornati al 2 ottobre, in Germania, che ha la maggior capacità di stoccaggio in Europa davanti all'Italia, il livello di riempimento degli stoccaggi è attualmente al 92,08%. In Francia si attesta al 97,39%.