Italia markets close in 53 minutes
  • FTSE MIB

    21.164,08
    -669,42 (-3,07%)
     
  • Dow Jones

    30.607,09
    -422,22 (-1,36%)
     
  • Nasdaq

    10.931,54
    -246,36 (-2,20%)
     
  • Nikkei 225

    26.393,04
    -411,56 (-1,54%)
     
  • Petrolio

    106,40
    -3,38 (-3,08%)
     
  • BTC-EUR

    18.248,88
    -1.190,81 (-6,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    407,20
    -24,27 (-5,62%)
     
  • Oro

    1.814,40
    -3,10 (-0,17%)
     
  • EUR/USD

    1,0424
    -0,0020 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.759,51
    -59,32 (-1,55%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.423,92
    -90,40 (-2,57%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0037 (-0,43%)
     
  • EUR/CHF

    0,9963
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,3458
    -0,0001 (-0,01%)
     

Gas, stoccaggi italiani al 45%. Sopra media Ue

(Adnkronos) - I flussi di gas oggi in Italia sono regolari. Al momento, il livello di riempimento degli stoccaggi italiani è di circa il 45% (44,72%) contro una media europea del 40,9%. Per quanto riguarda i principali paesi europei, in Germania, che ha la maggior capacità di stoccaggio in Europa davanti all'Italia, il livello di riempimento degli stoccaggi è attualmente del 42,32%. In Francia si attesta al 43,55%. Nei paesi in cui la capacità di stoccaggio è minore, come in Portogallo che 0,3 miliardi di metri cubi di capacità, il livello di riempimento degli stoccaggi è all'89,85%. In Spagna è al 64,85%. In Polonia, che ha una capacità di stoccaggio 1/5 rispetto a quella italiana, il livello di riempimento degli stoccaggi è all'89,09%.

Per quanto riguarda i flussi di gas, dai dati di oggi di Snam, aggiornati alle 17, il sistema risulta bilanciato come lo è sempre stato finora, con domanda soddisfatta e alimentazione regolare degli stoccaggi. Il gas in entrata nel sistema italiano nella giornata di oggi è previsto a 230 milioni di metri cubi a fronte di una domanda di 138 milioni, con circa 95 milioni destinati a iniezione negli stoccaggi.

Come già accaduto in buona parte dell’inverno, Mazara del Vallo, entry point del gas algerino, è la prima fonte di importazione con 55 milioni di metri cubi, seguita da Passo Gries (Nord Europa) con 52 mln e da Tarvisio (Russia) a 40. Melendugno, con i flussi dall’Azerbaigian via Tap, si attesta a 27,5 milioni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli