Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.282,43
    -401,31 (-1,35%)
     
  • Nasdaq

    10.749,39
    -302,25 (-2,73%)
     
  • Nikkei 225

    26.422,05
    +248,07 (+0,95%)
     
  • EUR/USD

    0,9788
    +0,0049 (+0,50%)
     
  • BTC-EUR

    19.697,60
    -276,79 (-1,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    440,90
    -5,08 (-1,14%)
     
  • HANG SENG

    17.165,87
    -85,01 (-0,49%)
     
  • S&P 500

    3.648,18
    -70,86 (-1,91%)
     

Gazprom chiude ancora i rubinetti del Nord Stream 1 per qualche giorno

Gazprom chiude ancora i rubinetti del Nord Stream 1 per qualche giorno

Gazprom aggiunge benzina sul fuoco. Il prezzo del gas in Europa ha fatto segnare questo venerdì un nuovo record di chiusura della sessione, raggiungendo quota 257,4 euro a Megawattora, dopo che il gigante russo del gas ha annunciato la chiusura "per manutenzione" del gasdotto Nord Stream 1 dal 31 agosto.

Come dichiarato dall'azienda sul proprio account Telegram, l'unico gruppo di pompaggio del gas funzionante Trent 60 sarà fermato per tre giorni per lavori di manutenzione ordinaria e dopo il completamento dei lavori, se non ci saranno malfunzionamenti tecnici, la fornitura di gas riprenderà al livello di 33 milioni di metri cubi al giorno. E cioè il 20% della capacità del Nord Stream 1.

Le ripetute interruzioni del gas da parte di Gazprom, con varie scuse, stanno ostacolando i piani del governo tedesco, che vorrebbe riempire i propri impianti di manutenzione in vista dell'inverno. Al momento è stato riempito il 78% dei siti di stoccaggio.

Immediata la reazione in Germania. Wolfgang Kubicki, vicepresidente dell'FDP e del Parlamento, ha detto che Berlino dovrebbe “aprire il gasdotto Nord Stream 2 il prima possibile, per riempire i serbatoi di stoccaggio del gas per l’inverno. Non c’è motivo per non farlo”. Una dichiarazione ampiamente criticata anche da alcuni colleghi di partito.