Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.683,74
    +548,75 (+1,88%)
     
  • Nasdaq

    11.051,64
    +222,13 (+2,05%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • EUR/USD

    0,9732
    +0,0135 (+1,40%)
     
  • BTC-EUR

    20.122,39
    +396,11 (+2,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    447,53
    +18,75 (+4,37%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • S&P 500

    3.719,04
    +71,75 (+1,97%)
     

Gb, Banca d’Inghilterra alza tassi di 50 punti base al 2,25%

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 set. (askanews) - La Banca d'Inghilterra ha deciso di alzare i tassi di interesse sulla sterlina di altri 50 punti base, dall'1,75% al 2,25%, mentre l'inflazione nel Regno sfiora una crescita a due cifre (9,9%). La decisione, presa a maggioranza (5 favorevoli mentre altri 3 componenti del direttorio avrebbero voluto un rialzo da 75 punti base) segue un aumento da 50 punti base operato ad inizio agosto.

La Bank of England ha anche deciso (all'unanimità) di ridurre gli stock di titoli pubblici per 80 miliardi di sterline complessivi sui prossimi 12 mesi, portando il portafogli complessivo a 758 miliardi, secondo quanto riporta una nota.

Oggi, partendo da livelli diversi, rialzi ai tassi di interesse sono stati decisi anche dalla Banca centrale Svizzera e da quella della Norvegia, rispettivamnte di 75 e 50 punti base. Mentre ieri la Federal Reserve statunitense ha alzato i tassi sul dollaro di 75 punti base al 3%-3,25%. La Bce, per parte sua, che aveva alzato i tassi di 75 punti base a inizio settembre ha ribadito nel Bollettino economico che intende continuare ad aumentarli.

L'unica eccezione resta la banca del Giappone che mantiene una linea espansiva e tassi negativi. Ma sempre oggi il ministro delle Finanze nipponico ha deciso di effettuare un intervento sul mercato dei cambi dopo che lo yen ha segnato nuovi minimi da 24 anni sul dollaro.