Italia markets close in 4 hours 46 minutes
  • FTSE MIB

    24.418,66
    -22,22 (-0,09%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,40
    +2,16 (+2,80%)
     
  • BTC-EUR

    15.917,25
    +179,31 (+1,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    390,29
    +10,00 (+2,63%)
     
  • Oro

    1.768,50
    +13,20 (+0,75%)
     
  • EUR/USD

    1,0381
    +0,0037 (+0,35%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.944,21
    +8,70 (+0,22%)
     
  • EUR/GBP

    0,8633
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9848
    +0,0035 (+0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,3944
    -0,0006 (-0,04%)
     

Gb, impone tassa extra profitti su utilities, aumenta imposte su major

Il sole sorge dietro i tralicci dell'elettricità vicino a Chester

LONDRA (Reuters) - Il ministro delle Finanze britannico, Jeremy Hunt, ha detto che il governo aumenterà la tassa sugli extra profitti delle società petrolifere e del gas e la estenderà alle aziende produttrici di energia, nel tentativo di raccogliere fondi per colmare un grave buco nelle finanze pubbliche.

L'impennata dei prezzi del petrolio e del gas, sulla scia dell'invasione russa dell'Ucraina, ha portato le bollette energetiche delle famiglie a livelli record, innescando la peggiore crisi del costo della vita in Gran Bretagna da generazioni.

Hunt ha detto che l'imposta sulle compagnie petrolifere e del gas sarà aumentata al 35%, rispetto all'attuale aliquota del 25%, e sarà prorogata fino alla fine di marzo 2028.

L'imposta sugli extra profitti sarà estesa ai produttori di energia elettrica, con un prelievo del 45% che sarà applicato a partire dal 1° gennaio alle entrate che il governo riterrà "straordinarie", provenienti dai produttori di energia a bassa emissione di carbonio, come quella eolica e nucleare.

Le due misure permetterebbero di raccogliere circa 14 miliardi di sterline per l'anno fiscale 2023/24, come risulta da un documento del Tesoro.

Attualmente il costo di produzione dell'elettricità nelle centrali a gas costituisce il parametro di riferimento per stabilire il prezzo all'ingrosso dell'elettricità, che contribuisce a determinare quanto i cittadini pagheranno per l'energia.

Ciò significa che i produttori di energia rinnovabile e gli impianti nucleari possono beneficiare di prezzi all'ingrosso elevati.

I documenti del Tesoro mostrano che l'imposta del 45% sulle imprese produttrici di energia a bassa emissione di carbonio si applicherebbe ai ricavi ottenuti dalla produzione di energia a un prezzo medio superiore a 75 sterline per megawattora (MWh).

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)