Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.119,20
    +504,20 (+2,33%)
     
  • Dow Jones

    31.500,68
    +823,32 (+2,68%)
     
  • Nasdaq

    11.607,62
    +375,43 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    26.491,97
    +320,72 (+1,23%)
     
  • Petrolio

    107,06
    +2,79 (+2,68%)
     
  • BTC-EUR

    20.635,27
    +317,35 (+1,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    462,12
    +8,22 (+1,81%)
     
  • Oro

    1.828,10
    -1,70 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,0559
    +0,0034 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    3.911,74
    +116,01 (+3,06%)
     
  • HANG SENG

    21.719,06
    +445,19 (+2,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.533,17
    +96,88 (+2,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8603
    +0,0025 (+0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0112
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,3602
    -0,0072 (-0,53%)
     

Gdo cresce online, ma l'Italia resta indietro: vendite web ancora in diminuzione

Gdo cresce online, ma l'Italia resta indietro: vendite web ancora in diminuzione
Gdo cresce online, ma l'Italia resta indietro: vendite web ancora in diminuzione

Mentre in giro per il mondo le vendite online della Gdo cominciano a registrare numeri importanti e degni di nota, l'Italia resta indietro e continua a soffrire le perdite dei canali web.

Il Bel Paese, secondo un'indagine Dataminers coordinata da Andrea Longo, dopo una prima fase di sperimentazione in cui il consumatore sembrava aver acquisito fiducia e dimestichezza rispetto agli acquisti online del segmento food e grocery, è tornato a fare un passo indietro. Le cause sono da riscontrare principalmente nella ricerca della convenienza da parte degli italiani, che vogliono poter confrontare i vari prodotti per poi scegliere quello che costa meno o qualitativamente più accettabile.

LEGGI ANCHE - Prodotti ritirati dai supermercati: allarme su pesce spada, polenta e salame

“Ancora una volta i mercati del fresco, del freddo e dell’ortofrutta a peso imposto sono stati quelli in maggiore sofferenza ed è a loro che vanno ascritti i due terzi del calo complessivo - spiega Mattia Cugini, product marketing associate director di Iri - Tra le categorie che invece  si sono particolarmente distinte troviamo i prodotti da ricorrenza".

VIDEO - Esselunga, Coop o Aldi? Quali sono i supermercati preferiti dagli italiani? La classifica di Altroconsumo

Ad aprile il giro d’affari del canale online è stato pari a 143,3 milioni di euro, in calo del 7% rispetto allo stesso periodo del 2021 (-10% a marzo). Il bilancio complessivo degli ultimi dodici mesi (maggio 2021-aprile 2022) si attesta così a 1.839 milioni di euro, con un progresso molto contenuto (+1,7%) rispetto ai dodici mesi precedenti.

"Nell’ultimo anno abbiamo osservato una progressiva riduzione del gap di prezzo tra online e fisico, che si aggiunge a una pressione promozionale ormai allineata tra i due canali, segno della volontà dei retailer di veicolare ai consumatori- ha sottolineato Cugini- oltre allo storico messaggio di comodità e praticità, anche una nuova convenienza nella propria offerta".

LEGGI ANCHE - Formaggi da tavola: ecco qual è la marca preferita dagli italiani

Secondo Cugini, è difficile prevedere se l’attuale debolezza del canale Web sia transitoria oppure strutturale. A complicare la lettura ci sono i numerosi fattori all’opera, dalla pandemia non ancora del tutto superata alla guerra in Ucraina.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli