Italia markets open in 1 hour 37 minutes
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,40 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,12 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    29.131,66
    +182,93 (+0,63%)
     
  • EUR/USD

    1,2105
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    32.478,90
    +3.365,30 (+11,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    979,80
    +37,99 (+4,03%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,23 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     

Geggio in calo ma vicino a max 1 settimana su venir meno timori ritorno export Iran

·2 minuto per la lettura

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio sono in calo, ma restano vicini ai massimi di una settimana dopo il balzo di oltre il 3% nella sessione di ieri, con l'affievolirsi delle attese degli investitori per un immediato ritorno dell'Iran sul mercato internazionale.

Intorno alle 12,35 italiane i futures sul Brent cedono 29 centesimi, o lo 0,4%, a 68,17 dollari il barile. I futures sul greggio Usa perdono 42 centesimi, o lo 0,6%, a 65,63 dollari il barile, dopo aver guadagnato il 3,9% nella sessione precedente.

I negoziati indiretti tra Stati Uniti e Iran riprenderanno questa settimana a Vienna. I colloqui sono stati rilanciati dopo che Teheran e l'Aiea hanno esteso l'accordo di monitoraggio del programma atomico del paese mediorentale.

Domenica il segretario di Stato Usa Antony Blinken ha detto che gli Stati Uniti non hanno ancora visto se l'Iran rispetterà i propri impegni nucleari per rimuovere le sanzioni, anche se i colloqui ora in corso hanno mostrato segnali di progresso.

"Sembra che i mercati non prevedano più il ripristino dell'accordo nucleare tra Usa e Iran nel prossimo futuro e, quindi, che le esportazioni di greggio iraniano potrebbero tornare rapidamente nel mercato globale", ha scritto Commerzbank in una nota.

Tuttavia, la ripresa globale dalla pandemia di Covid-19 è incostante, indicando un outlook misto per la domanda di greggio.

In Europa e negli Stati Uniti sono rilevati sempre meno infezioni e decessi, portando i governi ad allentare le restrizioni, laddove in altre regioni come l'India - il terzo importatore di greggio a livello mondiale - i tassi di contagio sono ancora alti.

L'economia tedesca si è contratta più del previsto nel primo trimestre, con le restrizioni legate al coronavirus che hanno portato le famiglie a risparmiare maggiormente, secondo i dati di oggi.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)