Italia Markets closed

Generali, Donnet: quota in Cattolica strategica, buon affare

Bos
·1 minuto per la lettura

Milano, 12 nov. (askanews) - L'acquisizione della quota del 24,4% di Cattolica è stata per Generali "un affare molto buono dal punto di vista sia strategico sia finanziario". Lo ha detto in conference call il Ceo del Leone, Philippe Donnet, ricordando che le due compagnie hanno in essere diverse partnership e che l'accordo strategico consentirà la creazione di valore "per entrambi i partner". "Siamo aperti a guardare al futuro insieme", ha aggiunto il Ceo del gruppo Generali, che ha poi escluso un intervento del Leone nell'aumento di capitale da 200 milioni di euro che Cattolica offrirà in opzione agli azionisti che possa portare Trieste a superare la soglia del 25% rilevante ai fini di un'Opa obbligatoria. "Non è sul tavolo alcuna offerta obbligatoria su Cattolica", ha affermato in risposta alla domanda se Generali potrebbe aderire all'aumento in misura superiore a quella pro-quota. Quanto a un interesse per l'eventuale inoptato, ha replicato: "vedremo, ma non c'è impegno di alcun genere".